HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Pisticci, sequestrata area per smaltimento illecito reflui

19/02/2019



“I Carabinieri Forestali delle Stazioni di Stigliano e Pisticci, dipendenti dal Gruppo Carabinieri Forestali di Matera, hanno accertato uno smaltimento illecito di rifiuti liquidi in località San Teodoro, del Comune di Pisticci.
In detta area – si legge in una nota dei Carabinieri – è ubicata una centrale a biomasse, che produce energia elettrica utilizzando il vapore generato dalla combustione di biomasse costituite da scarti di lavorazioni agricole e reflui provenienti da allevamenti zootecnici.
Durante il sopralluogo, effettuato unitamente a tecnici dell’Arpab, i militari hanno verificato la presenza di una condotta, proveniente dalla vasca di stoccaggio dei rifiuti di lavorazione, mediante la quale i reflui erano sversati nel terreno circostante.
La ditta era in possesso del P.U.A. (Piano di Utilizzazione Agronomica), che consentiva un loro spandimento uniforme ed omogeneo sulla superficie destinata ad accoglierli come ammendanti per l’agricoltura.
La situazione davanti alla quale si sono trovati i militari era caratterizzata invece da fenomeni di ristagno, con il livello dei reflui che raggiungeva anche i 40/50 cm.
Gli effluenti dunque non erano più utilizzati come ammendanti, ma sversati sul terreno come rifiuti con concentrazioni di sostanze potenzialmente inquinanti (nitrati, etc) a livelli nocivi.
In tali casi il rischio di inquinamento del terreno, del substrato e delle falde acquifere sotterranee aumenta notevolmente.
L’area interessata dallo scarico, di circa ha 02.70.00, è stata sottoposta a sequestro penale, convalidato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera e l’amministratore unico della Ditta, titolare dell’impianto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria”.



ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Minaccia la moglie, arrestato a Matera
22/03/2019 - Acerenza: arrestato due volte in due giorni dai carabinieri
21/03/2019 - Viggianello: celebrata la giornata della memoria contro la mafia
21/03/2019 - Rifiuti, l’Ue condanna l’Italia per 44 discariche , 23 sono in Basilicata

SPORT

22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"
22/03/2019 - Promozione: Lauria è pronta a far festa, triplo salto a un passo
22/03/2019 - Eccellenza: per il Grumentum appuntamento con la storia
21/03/2019 - La Volley Academy Matera chiude la stagione regolare al secondo posto

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

19/03/2019 Sospensioni Idriche del 19 marzo 2019

Tricarico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

A causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, nella giornata odierna si potrebbero verificare cali di pressione o interruzione idriche fino al termine dei lavori di riparazione.


Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo