HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Masseria La Rocca, no a permesso ricerca dal Consiglio dei Ministri

12/12/2018



Il Consiglio dei Ministri ha respinto la richiesta di proroga presentata dalla società Rockhopper Italia spa per il permesso di ricerca idrocarburi Masseria La Rocca, che ricade tra i comuni di Brindisi Montagna e Potenza.
Ad annunciarlo con un video messaggio “per gli amici della Basilicata” sul suo profilo facebook, il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio.
Di Maio ha ribadito che l’Italia nel 2019 dovrà avviare il percorso per diventare, nel 2050, un Paese al 100% carbon free.

“Hanno vinto i cittadini! - questo il commento di Antonio Mattia candidato alla presidenza della regione Basilicata per M5S -Poco fa il Consiglio dei ministri e i ministri del M5S Di Maio e Costa hanno bloccato la proroga per il permesso che avrebbe potuto devastare vasti territori ricadenti tra Brindisi Montagna e il comune di Potenza.”



12/12/2018 - Permesso di ricerca Masseria La Rocca, Mattia: smascherata la Regione Basilicata
Questa mattina, il Consiglio dei ministri ha respinto la richiesta di proroga al permesso di ricerca petrolifera Masseria La Rocca-Montegrosso ricadente nell'area Brindisi Montagna-comune di Potenza.
L'importantissimo risultato è stato raggiunto grazie all...-->continua


12/12/2018 - Permesso Masseria La Rocca. Lacorazza: atto coerente.
Il no al permesso di ricerca di idrocarburi “Masseria La Rocca – Montegrosso” è un atto forte e coerente che va riconosciuto al Governo Conte e in particolare al Ministro Di Maio. Aldilà delle posizioni e delle appartenenze politiche quando siamo di fronte a scelte positive ...-->continua


12/12/2018 -Masseria La Rocca: Governo condivide il diniego della Regione Basilicata
Pietrantuono: “Al presidente Conte ho trasferito la ferma volontà della Basilicata di negare ogni altro permesso di ricerca e successiva possibilità di estrazione, ricordando il nostro grande contributo al Paese”
Nel Comune di Brindisi di Montagna non si ricercheranno idrocarburi liquidi e gassosi. . ->continua



ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Rionero in Vulture: un cinghiale da salvare
22/03/2019 - Carabinieri Forestali sequestrano stazione di servizio dismessa a Tolve
22/03/2019 - Furto in abitazione nel Materano, due arresti a Zagarolo
22/03/2019 - Il progetto di superamento de 'La Fellandina' ha l'ok delle parti sociali

SPORT

22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile
22/03/2019 - Grumentum Val d'Agri: ad un passo dal sogno
22/03/2019 - Serie D, G/H: al Fittipaldi il Francavilla anticipa contro il Sorrento
22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo