HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Rotonda: liberi i due fratelli arrestati per droga a novembre

6/12/2018



È durato lo spazio di un giorno lo stato d’arresto dei due fratelli di 37 e 38 anni, finiti in manette il mese scorso a Rotonda in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo abbiamo appreso dall’avvocato di Padula Rosa Iannelli, difensore dei due. “In realtà – ci dice l’avvocato – i due fratelli, dopo essere stati arrestati dai Carabinieri di Rotonda il 20 novembre per i fatti contestati e per i quali sono ancora in corso le indagini, sono stati liberati il giorno dopo dal pm di turno – quindi in data 21 novembre – e l’ordine di scarcerazione è stato notificato dagli stessi Carabinieri di Rotonda esattamente quel giorno”.
Gli arresti avevano avuto ampio risalto su tutti i media regionali, ma in proposito la legale ha voluto precisare che “la scarcerazione in effetti è avvenuta ancor prima che venisse fuori la notizia”. Sulla vicenda gli investigatori sono ancora a lavoro, gli ultimi sviluppi sono da collegarsi a un’udienza tenutasi nella giornata di ieri per la convalida dei fermi: che per ragioni procedurali deve avvenire comunque. Ma non trovandosi agli arresti, i due non sono stati processati per direttissima e su di loro non gravano misure cautelari. “A loro carico – prosegue Iannelli – non è stata disposta alcuna misura restrittiva: nemmeno l’obbligo di firma, piuttosto che un divieto di dimora o altro. Sono liberi a tutti gli effetti per l’assenza di precedenti specifici o di carichi pendenti che possano lasciar pensare a una reiterazione dei fatti contestati”. “Essendo liberi non avevano nemmeno l’obbligo di presentarsi davanti al magistrato, di fronte al quale li ho rappresentati io”. “In casi del genere il pubblico ministero continua a svolgere le proprie indagini dopodiché, eventualmente, formulerà un capo d’accusa”.
Durante la perquisizione domiciliare eseguita all’interno della loro casa, i militari avevano trovato 10 piante di cannabis indica di varie dimensioni, oltre a marijuana già essiccata e divisa in dosi, pronta per essere commercializzata, per un peso complessivo di circa 550 grammi. Insieme alla droga, erano stati sequestrati anche tre ventilatori, griglie in legno e teli per essiccare le cime delle piante, due faretti elettrici, un timer per l’attivazione dell’impianto di ventilazione ed illuminazione, un coltello con lama annerita intriso verosimilmente di sostanza stupefacente, due trita erba e un bilancino di precisione. Tuttavia, vista la quantità rinvenuta, la posizione dei due fratelli potrebbe alleggerirsi. “Inizialmente si parlava di detenzione e spaccio ma il giudice per le indagini preliminari lo ha qualificato diversamente, facendo rientrare l’ipotesi di minore gravità”. Ipotesi che risulta dal decreto di fissazione dell’udienza di ieri e che dovrà essere confermata al momento della chiusura delle indagini. “Ovviamente – conclude l’avvocato – bisogna attendere la fine degli accertamenti, ma resta un’eventualità che se confermata potrebbe far cadere l’ipotesi di detenzione ai fini di spaccio. Ma ripeto che fare simili considerazioni adesso è prematuro, poiché ancora non si sa nulla di certo”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

18/01/2019 - GdFViggiano: sequestrati circa 37.000 articoli pericolosi per la salute umana
18/01/2019 - Matera 2019, attività collaterali alla cerimonia inaugurale del 19 gennaio
18/01/2019 - Rotonda: Cgil, Cisl e Uil sul piede di guerra anche per unità mobile
17/01/2019 - Cittadino marocchino arrestato per rapina nel capoluogo

SPORT

18/01/2019 - Futsal C1: domani partitissima tra Senise e San Gerardo Potenza
17/01/2019 - Matera Calcio, si lavora per la fideiussione e svincolo dei calciatori
16/01/2019 - Basket, Serie D: la Pallacanestro Senise raccontata da Mario Totaro
16/01/2019 - Promozione: il Castelluccio ha iniziato bene il 2019

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

18/01/2019 Comunicazione di sospensione idrica per oggi 18 gennaio

Atella: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Montesirico sarà sospesa dalle ore 08:00 di oggi fino al termine dei lavori.
Potenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile in via Portasalza e zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 09:00 di oggi fino al termine dei lavori.
LAURIA: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori, nelle seguenti località: Marfitano, Piano Focara, Parco Carroso e Timpa d'Elce.

17/01/2019 Sospensioni idriche 17 gennaio 2019

Atella: a causa di un guasto improvviso nella zona industriale di Vitalba si potrebbero verificare cali di pressione o la sospensione dell'erogazione fino al termine dei lavori di riparazione.
Matera: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in vico III Casalnuovo sarà sospesa dalle ore 15:30 di oggi alle ore 13:00 di domani salvo imprevisti.
Irsina: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:30 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.

16/01/2019 Sospensione idrica 16 gennaio 2019

Abriola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 11:00 alle ore 13:00 salvo imprevisti.
Rionero - Frazione Monticchio Bagni: il ripristino dell'erogazione idrica, previsto per le ore 8.00 di questa mattina, a causa di imprevisti è posticipato fino al termine dei lavori di riparazione.
Balvano: a causa del guasto della condotta adduttrice, provocato da una frana, l'erogazione idrica resterà sospesa dalle ore 14 di oggi fino al termine dei lavori, previsto per la giornata di domani. Acquedotto Lucano da domani mattina alle ore 7,30 istituirà il sevizio sostitutivo tramite autobotte che stazionerà in piazza Garibaldi.

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo