HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Rotonda: liberi i due fratelli arrestati per droga a novembre

6/12/2018



È durato lo spazio di un giorno lo stato d’arresto dei due fratelli di 37 e 38 anni, finiti in manette il mese scorso a Rotonda in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Lo abbiamo appreso dall’avvocato di Padula Rosa Iannelli, difensore dei due. “In realtà – ci dice l’avvocato – i due fratelli, dopo essere stati arrestati dai Carabinieri di Rotonda il 20 novembre per i fatti contestati e per i quali sono ancora in corso le indagini, sono stati liberati il giorno dopo dal pm di turno – quindi in data 21 novembre – e l’ordine di scarcerazione è stato notificato dagli stessi Carabinieri di Rotonda esattamente quel giorno”.
Gli arresti avevano avuto ampio risalto su tutti i media regionali, ma in proposito la legale ha voluto precisare che “la scarcerazione in effetti è avvenuta ancor prima che venisse fuori la notizia”. Sulla vicenda gli investigatori sono ancora a lavoro, gli ultimi sviluppi sono da collegarsi a un’udienza tenutasi nella giornata di ieri per la convalida dei fermi: che per ragioni procedurali deve avvenire comunque. Ma non trovandosi agli arresti, i due non sono stati processati per direttissima e su di loro non gravano misure cautelari. “A loro carico – prosegue Iannelli – non è stata disposta alcuna misura restrittiva: nemmeno l’obbligo di firma, piuttosto che un divieto di dimora o altro. Sono liberi a tutti gli effetti per l’assenza di precedenti specifici o di carichi pendenti che possano lasciar pensare a una reiterazione dei fatti contestati”. “Essendo liberi non avevano nemmeno l’obbligo di presentarsi davanti al magistrato, di fronte al quale li ho rappresentati io”. “In casi del genere il pubblico ministero continua a svolgere le proprie indagini dopodiché, eventualmente, formulerà un capo d’accusa”.
Durante la perquisizione domiciliare eseguita all’interno della loro casa, i militari avevano trovato 10 piante di cannabis indica di varie dimensioni, oltre a marijuana già essiccata e divisa in dosi, pronta per essere commercializzata, per un peso complessivo di circa 550 grammi. Insieme alla droga, erano stati sequestrati anche tre ventilatori, griglie in legno e teli per essiccare le cime delle piante, due faretti elettrici, un timer per l’attivazione dell’impianto di ventilazione ed illuminazione, un coltello con lama annerita intriso verosimilmente di sostanza stupefacente, due trita erba e un bilancino di precisione. Tuttavia, vista la quantità rinvenuta, la posizione dei due fratelli potrebbe alleggerirsi. “Inizialmente si parlava di detenzione e spaccio ma il giudice per le indagini preliminari lo ha qualificato diversamente, facendo rientrare l’ipotesi di minore gravità”. Ipotesi che risulta dal decreto di fissazione dell’udienza di ieri e che dovrà essere confermata al momento della chiusura delle indagini. “Ovviamente – conclude l’avvocato – bisogna attendere la fine degli accertamenti, ma resta un’eventualità che se confermata potrebbe far cadere l’ipotesi di detenzione ai fini di spaccio. Ma ripeto che fare simili considerazioni adesso è prematuro, poiché ancora non si sa nulla di certo”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

21/03/2019 - Elezioni in Basilicata, spuntano 5 'impresentabili' per l'Antimafia
21/03/2019 - A Bernalda una denuncia per abbandono di rifiuti speciali
21/03/2019 - Cinque milioni per un nuovo Hospice al San Carlo
21/03/2019 - Parco del Pollino: l’attenzione degli ambientalisti verso un elettrodotto

SPORT

21/03/2019 - La Volley Academy Matera chiude la stagione regolare al secondo posto
21/03/2019 - Serie D, G/H: dal Picerno un goal per la ricerca contro il cancro
21/03/2019 - Potenza vs Sicula Leonzio,commento del tecnico Raffaele
20/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince e riallunga in classifica

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

19/03/2019 Sospensioni Idriche del 19 marzo 2019

Tricarico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

A causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, nella giornata odierna si potrebbero verificare cali di pressione o interruzione idriche fino al termine dei lavori di riparazione.


Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo