HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Rotonda: ricattato da un hacker per riavere il suo profilo Instagram

4/12/2018



“Paga 200 euro e ti restituisco il tuo profilo Instagram”: sono queste le parole scritte da un hacker allo youtuber e instagrammer rotondese Mario Di Paola. Mario su internet è da tutti conosciuto come Neschio, edulcorazione del termine dialettale “nisco” (nudo): come lo chiamava il fratello poiché da piccolo, quando aveva caldo, a Mario piaceva stare nudo. Oggi i video di Neschio sono diventati quasi virali: il suo canale YouTube ha oltre 22 mila followers, mentre il suo profilo Instagram ne conta più di 15 mila. In particolare, da un annetto, racconta la sua passione per l’Inter sotto varie sfaccettature, attraverso analisi mai volgari o faziose ma sempre nel pieno rispetto degli avversari.

Il badge– “Circa un mese fa – ci spiega il videoblogger rotondese – dopo averlo visto per un profilo che aveva meno di 5 mila followers, ho pensato di richiedere anch’io il badge di approvazione a Instagram”. Il badge di approvazione è quella coccardina blu che troviamo nei profili pubblici, ad esempio di calciatori o altri personaggi famosi, che garantisce la certificazione di ufficialità del profilo che presenti questa icona. “Dopo aver inoltrato la richiesta, Instagram mi aveva risposto di averla presa in carico e che mi avrebbe fatto sapere quanto prima”. E sabato scorso, infatti, è accaduto qualcosa.

La truffa informatica – “Mi è arrivata una mail scritta in inglese, che sembrava davvero fosse stata inviata da Instagram poiché presentava tutti i connotati di ufficialità con logo, front eccetera. Insomma pareva davvero autentica. Ed io in tutta fretta, preso come sempre da 50 mila cose, non sono andato a controllarne l’effettiva autenticità proprio perché sembrava davvero esserlo. Per cui, dopo aver cliccato su verifica, sono stato trasferito su quella che pareva la pagina ufficiale di Instagram. Ma in realtà non lo era perché si trattava di un portale ad hoc creato da questo hacker, nel quale mi è stato chiesto di fare l’accesso. Ed ecco che ho inserito i miei dati: ossia mail, password e, in un secondo momento, anche il numero di telefono”. Quindi, dopo la compilazione dei campi, sembrava che Neschio fosse sul punto di ottenere ciò che voleva. “Al termine della procedura mi era stato risposto che entro 24 ore avrei ottenuto la certificazione. Io lì per lì, certo del buon fine, ero rimasto molto soddisfatto ed ho anche continuato a usare il mio profilo fino a verso l’una di notte”.

Il ricatto – “L’indomani mattina – racconta Neschio –, appena sveglio mi sono accorto di essere fuori dal mio profilo. Era tutto bloccato e non esisteva più. Inoltre, nello stesso tempo, ho ricevuto un messaggio su whatsapp in inglese da un numero canadese, di qualcuno che si presentava come un hacker, che mi informava che il mio profilo ormai era compromesso e che per riaverlo avrei dovuto pagare 200 euro”. Ovviamente, dopo aver capito che il suo profilo era stato craccato, Neschio ha immediatamente inoltrato la segnalazione a Instagram e sporto denuncia alla polizia postale ma allo stesso tempo, dopo essersi fatto dimostrare che effettivamente fosse in grado di bloccare o riavviare l’account, ha cominciato un sorta di trattativa con questo hacker facendo in modo che abbassasse le pretese fino a 130 euro, “che gli ho fatto sapere avrei pagato entro due giorni da ieri”.

Rabbia e sconforto – Da ieri i due non si sono più sentiti. Adesso il profilo è visibile, ma il nome di Neschio è stato sostituito da una sfilza di numeri e il legittimo proprietario non può minimamente accedervi. “Questa storia mi fa stare davvero male, è un’esperienza che non auguro a nessuno. E come se ti rubassero una parte di te”. Nonostante da oltre due anni abbia un canale YouTube, da più di un anno Neschio condivide le sue storie anche su Instagram al ritmo di almeno 2 o 3 al giorno. “È assurdo che un colosso come Instagram non sia in grado di impedire che accadano cose del genere, che pensi sia impossibile possano succedere proprio a te. E invece”. Non bisogna cedere. La denuncia è la strada migliore.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Minaccia la moglie, arrestato a Matera
22/03/2019 - Acerenza: arrestato due volte in due giorni dai carabinieri
21/03/2019 - Viggianello: celebrata la giornata della memoria contro la mafia
21/03/2019 - Rifiuti, l’Ue condanna l’Italia per 44 discariche , 23 sono in Basilicata

SPORT

22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"
22/03/2019 - Promozione: Lauria è pronta a far festa, triplo salto a un passo
22/03/2019 - Eccellenza: per il Grumentum appuntamento con la storia
21/03/2019 - La Volley Academy Matera chiude la stagione regolare al secondo posto

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

19/03/2019 Sospensioni Idriche del 19 marzo 2019

Tricarico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

A causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, nella giornata odierna si potrebbero verificare cali di pressione o interruzione idriche fino al termine dei lavori di riparazione.


Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo