HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Basilicata. Nove ristoranti su 13 irregolari

15/10/2018



In queste giornate di autunno L'Ispettorato del Lavoro di Potenza e Matera ha svolto una serie di attività istituzionali che hanno prodotto rilevanti risultati rispetto al contrasto del lavoro nero e conseguentemente alla evasione previdenziale, assicurativa e fiscale garantendo conseguentemente effetti per una maggiore legalità.
Lo fa sapere l'Ispettorato del Lavoro di Potenza e Matera.
In particolare in questo ultimo fine settimana nel territorio della provincia di Potenza, con l’impiego di diverse squadre composite di ispettori del lavoro sono stati verificati ben 13 ristoranti ed esercizi di somministrazione in particolare ubicati in diversi comuni tra i quali: Maschito, Rionero, Genzano, Acerenza, Fiorenza, Tolve, e altri ancora. Solamente 4 sono risultati regolari, gli altri 9 invece riscontrati irregolari. Sono state verificate 57 posizioni lavorative e riscontati quindi ben 17 lavoratori completamente al nero. Sono state pertanto comminate multe per diverse migliaia di euro quali sanzioni amministrative nonché ben 6 sospensioni temporanee di attività.

Altre azioni, effettuate dall'Ispettorato, svolte sempre con il prezioso ausilio e fattivo contributo, nel quadro della permanente collaborazione con gli uomini dell'Arma appartenenti alla Legione Basilicata e operanti presso le dislocate Compagnie territoriali, hanno interessato, sempre in questo fine settimana, la città di Matera, dove sono stati controllati esercizi vari e panifici. Riscontrate quindi irregolarità in materia di videosorveglianza. Per quanto riguarda in particolare un esercizio di somministrazione in centro, veniva appurato l'utilizzo di lavoratori al nero che hanno indotto alla sospensione dell'attività.

Da segnalare ancora un'altra serie di interventi eseguiti durante la scorsa settimana questa volta svolti congiuntamente con i Nas dei Carabinieri e dell'Arma territoriale. Segnatamente sono stati effettuati accessi congiunti al fine di controllare esercizi commerciali anche di natura etnica, come pure casolari abbandonati occupati abusivamente da braccianti agricoli extracomunitari, impegnati nelle campagne. Tali azioni si sono svolte nelle zone del Vulture Melfese ed in particolare nel territorio del comune di Venosa ed hanno prodotto sospensione temporanee di attività per occupazioni di lavoratori al nero ed elevazione di sanzioni amministrative per alcune migliaia di euro.



ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese
22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo