HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

In manette cittadino romeno per violenze e sfruttamento

25/09/2018



Costringeva a prostituirsi una sua connazionale che però è riuscita a fuggire e a rivolgersi alla Polizia

La Polizia di Stato nelle scorse ore ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto, convalidato dall’Autorità Giudiziaria, un cittadino romeno ventottenne per induzione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, estorsione, violenza privata, lesioni personali dolose, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

L’attività d’indagine è stata condotta dalla Squadra Mobile e dalla Squadra Volante a seguito della denuncia di una donna, anche lei romena e coetanea dell’arrestato, la quale, dopo l’ennesima aggressione con calci e pugni subìta dall’uomo, è riuscita a divincolarsi vagando a piedi per le vie del centro di Matera dove ha incontrato poco dopo una Volante alla quale ha chiesto aiuto.

Subito è stata accompagnata negli uffici della Squadra Mobile e in presenza di una interprete ha raccontato agli agenti le violenze, i soprusi e le aggressioni cui ha dovuto sottostare negli ultimi quindici giorni, cioè da quando ha fatto ingresso in Italia proveniente dalla Francia.

Proprio in Francia aveva conosciuto il connazionale che le ha prospettato di venire insieme in Italia, in un paese dell’entroterra materano, dove si poteva lavorare e guadagnare nella raccolta di pomodori e ortaggi vari, aggiungendo che in questa località era già presente la madre di lui impegnata nella stessa attività.

Giunta in Italia, invece, la donna oltre a lavorare nei campi per più di otto ore al giorno senza percepire nulla, è stata anche costretta con minacce e violenze fisiche a prostituirsi e ad avere rapporti sessuali con due conoscenti dell’aguzzino, che per le prestazioni ha intascato la somma di 300 euro.

Ribellatasi allo stato di soggezione a cui era costretta, la giovane ha contattato un amico residente in Francia implorandolo di inviarle trecento euro per tornare in Romania, dove aveva lasciato due bambini avuti da un precedente matrimonio, accordandosi di farlo tramite un circuito internazionale di servizi finanziari.

L’uomo, però, avendo intuito che si sarebbe recata a Matera per prelevare il denaro, l’ha accompagnata insieme alla propria madre, denunciata per gli stessi reati, costringendola con calci e pugni a consegnargli l’intera somma.

Tale comportamento violento e aggressivo si è ripetuto proprio nel tardo pomeriggio di qualche giorno fa quando i tre sono tornati nuovamente a Matera per riscuotere altro denaro fatto pervenire alla ragazza da un altro amico; questa volta, però, è riuscita a divincolarsi e rivolgersi alla Polizia.

Lo stato di prostrazione morale e fisica della vittima e i dolori lancinanti accusati alle braccia e all’addome a seguito dell’aggressione da parte dell’uomo, hanno determinato anche l’intervento dei sanitari che oltre a numerosi lividi in varie parti del corpo, le hanno anche diagnosticato una frattura a una costola guaribile in ventuno giorni.

Il cittadino romeno è stato rintracciato in un casolare dagli Agenti della Squadra Mobile e sottoposto a fermo di indiziato di delitto poi convalidato dall'Autorità giudiziaria.

L’uomo è attualmente rinchiuso nella Casa Circondariale di Matera



ALTRE NEWS

CRONACA

21/02/2019 - Da 10 giorni Sinnica chiusa per frana e ancora nessun intervento
20/02/2019 - Trerotola candidato alle Regionali per il centrosinistra
20/02/2019 - Francavilla: revocato sgombero per diversi edifici non in zona rossa
20/02/2019 - Il Papa benedice la Madonna del Pantano di San Giorgio Lucano

SPORT

20/02/2019 - Calvello amara per il Castelluccio, l'Anzi si impone 2-0
20/02/2019 - E' morto Maurizio Clerici. Il canottaggio (anche a Senise) a lutto
20/02/2019 - Campionato bocce: la C scende in campo per le semifinali
20/02/2019 - Hockey su pista serie B – girone e, la HP Matera ospita il Giovinazzo

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/02/2019 Pallavolo maschile serie D, rinviata la gara tra Volley Academy Matera e Venosa

A causa della indisponibilità della squadra ospite, è stata rinviata la gara casalinga della Volley Academy Matera contro il Venosa valida per il recupero della prima giornata di ritorno del campionato di pallavolo maschile di serie D ed in programma nella serata di mercoledì alle 19:30. L’incontro è stato rinviato al prossimo 19 marzo alle 20:30.

20/02/2019 Conferito incarico di Direttore Sanitario F.F. dell’AOR San Carlo

Il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, Dottor. Massimo Barresi, ha affidato in via temporanea le funzioni di Direttore Sanitario F.F., alla Dottoressa Angela Bellettieri, Dirigente medico della stessa Direzione. Tali funzioni saranno esercitate fino alla nomina del nuovo Direttore Sanitario.
La Dottoressa Bellettieri subentra al Dottor Antonio Picerno, che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico per motivi personali.
L’Azienda lo ringrazia per il contributo dato negli anni in cui ha ricoperto l’incarico di Direttore Sanitario.

20/02/2019 Unicef:presentazione Report del Piano d’Azione 2018 e del Piano in Progress 2019

L’Unicef Basilicata, Presidente Angela Granata, venerdì 22 Febbraio 2019, dalle ore 10.00 alle ore 11.30, nell’ Aula Magna “Filomena Pepe” del Liceo Scientifico “P.P. Pasolini” di Potenza, terrà una Conferenza Stampa di presentazione del Report del Piano d’Azione 2018 e del Piano in Progress 2019.

Parteciperanno i rappresentanti Istituzionali, i Dirigenti delle Scuole della Città di Potenza, il Gruppo Interistituzionale, i Presidenti delle Associazioni che collaborano con l’UNICEF Basilicata.

In occasione della conferenza stampa, che sarà coordinata dall’Addetta stampa Unicef Basilicata, Lorenza Colicigno, la Presidente Granata intende ribadire l’impostazione del suo lavoro, impostazione già collaudata nel 2018, come condivisione della politica e delle Azioni dell’UNICEF con la “Rete”, ciò al fine di collaborare nel promuovere e realizzare sull’intero territorio regionale interventi a sostegno dei bambini e delle bambine.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo