HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

In manette cittadino romeno per violenze e sfruttamento

25/09/2018



Costringeva a prostituirsi una sua connazionale che però è riuscita a fuggire e a rivolgersi alla Polizia

La Polizia di Stato nelle scorse ore ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto, convalidato dall’Autorità Giudiziaria, un cittadino romeno ventottenne per induzione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, estorsione, violenza privata, lesioni personali dolose, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

L’attività d’indagine è stata condotta dalla Squadra Mobile e dalla Squadra Volante a seguito della denuncia di una donna, anche lei romena e coetanea dell’arrestato, la quale, dopo l’ennesima aggressione con calci e pugni subìta dall’uomo, è riuscita a divincolarsi vagando a piedi per le vie del centro di Matera dove ha incontrato poco dopo una Volante alla quale ha chiesto aiuto.

Subito è stata accompagnata negli uffici della Squadra Mobile e in presenza di una interprete ha raccontato agli agenti le violenze, i soprusi e le aggressioni cui ha dovuto sottostare negli ultimi quindici giorni, cioè da quando ha fatto ingresso in Italia proveniente dalla Francia.

Proprio in Francia aveva conosciuto il connazionale che le ha prospettato di venire insieme in Italia, in un paese dell’entroterra materano, dove si poteva lavorare e guadagnare nella raccolta di pomodori e ortaggi vari, aggiungendo che in questa località era già presente la madre di lui impegnata nella stessa attività.

Giunta in Italia, invece, la donna oltre a lavorare nei campi per più di otto ore al giorno senza percepire nulla, è stata anche costretta con minacce e violenze fisiche a prostituirsi e ad avere rapporti sessuali con due conoscenti dell’aguzzino, che per le prestazioni ha intascato la somma di 300 euro.

Ribellatasi allo stato di soggezione a cui era costretta, la giovane ha contattato un amico residente in Francia implorandolo di inviarle trecento euro per tornare in Romania, dove aveva lasciato due bambini avuti da un precedente matrimonio, accordandosi di farlo tramite un circuito internazionale di servizi finanziari.

L’uomo, però, avendo intuito che si sarebbe recata a Matera per prelevare il denaro, l’ha accompagnata insieme alla propria madre, denunciata per gli stessi reati, costringendola con calci e pugni a consegnargli l’intera somma.

Tale comportamento violento e aggressivo si è ripetuto proprio nel tardo pomeriggio di qualche giorno fa quando i tre sono tornati nuovamente a Matera per riscuotere altro denaro fatto pervenire alla ragazza da un altro amico; questa volta, però, è riuscita a divincolarsi e rivolgersi alla Polizia.

Lo stato di prostrazione morale e fisica della vittima e i dolori lancinanti accusati alle braccia e all’addome a seguito dell’aggressione da parte dell’uomo, hanno determinato anche l’intervento dei sanitari che oltre a numerosi lividi in varie parti del corpo, le hanno anche diagnosticato una frattura a una costola guaribile in ventuno giorni.

Il cittadino romeno è stato rintracciato in un casolare dagli Agenti della Squadra Mobile e sottoposto a fermo di indiziato di delitto poi convalidato dall'Autorità giudiziaria.

L’uomo è attualmente rinchiuso nella Casa Circondariale di Matera



ALTRE NEWS

CRONACA

16/10/2018 - Sicurezza Tempa Rossa, Fisascat: 85 posti di lavoro a rischio nella vigilanza
16/10/2018 - Rai e Capodanno: 'Venosa non ha senso nell'anno di Matera Capitale'
16/10/2018 - Lagonegrese: abusava della figlia, arrestato 45enne
16/10/2018 - Metaponto: Si allacciano abusivamente alla rete Enel, in tre denunciati

SPORT

16/10/2018 - Prima Ctg/B: comandano in quattro
16/10/2018 - Seconda Ctg/C: la Lainese comincia con un pareggio in casa
15/10/2018 - San Gerardo C5 PZ, Goldoni segna e bacia la maglia: 'La onorerò per sempre'
15/10/2018 - Matera Calcio:Lamberti nuovo socio di maggioranza.Colucci dg

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

16/10/2018 Rapina in ristorante a Melfi, 2 arresti

Accusati di aver fatto una rapina, lo scorso 27 gennaio, nel bar-ristorante "Happy Days" della zona industriale di San Nicola di Melfi (Potenza), due uomini sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Melfi al termine delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza. Un terzo uomo fu arrestato dai militari dell'Arma in flagranza di reato al termine di un inseguimento conclusosi con un incidente che coinvolse un'auto 'Fiat Uno', risultata rubata, e usata per la rapina.Ansa

15/10/2018 16 ottobre 2018: riapertura studio medico Salam c/o Ce.St.Ri.M. Potenza

Lo studio medico Salam – Salute e Pace, attivo presso il Ce.St.Ri.M di Potenza dall’aprile 2017, grazie alla collaborazione di diverse figure professionali volontarie (medici, infermieri, ostetriche, psicologi…) ha avviato un’attività di medicina sociale, indirizzata primariamente (ma non esclusivamente) all’assistenza dei migranti irregolari. Dopo la chiusura estiva l'Ambulatorio riapre domani 16 Ottobre con nuove modalità operative. È possibile prenotare una visita specialistica gratuita chiamando il numero 324 89 69 439 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16.00 alle 20.00 e consultando il sito Internet www.cestrim.org e la pagina Facebook del Ce.St.Ri.M. sui quali saranno pubblicate le date e i nomi degli specialisti disponibili. Le visite di medicina generale, al contrario, non richiederanno alcuna prenotazione. Per il mese di ottobre il calendario degli appuntamenti è il seguente: Visite specialistiche (richiesta prenotazione) Martedì 16 Otorinolaringoiatria – dott.ssa Langone Martedì 23 Odontoiatria – dott. Di Trana Mercoledì 24 Neurologia – dott.ssa Acquistapace Visite di medicina generale (senza prenotazione) Giovedì 18 Medicina Interna – dott. Pennacchio ore 11.00-13.0 Venerdì 26 Medicina Generale – dott. Buchicchio ore 16.00-18.00

15/10/2018 Sospensione idrica a Ginestra

Ginestra: a causa di un guasto improvviso, nell'intero abitato potrebbe verificarsi cali di pressione e o mancanza di erogazione idrica dalle ore 09:30 alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo