HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Selezione Tempa Rossa: la rabbia di due giovani lucane

13/09/2018



Sono arrabbiate. Deluse. Sono due delle centinaia di persone che, a febbraio scorso, avevano creduto nella selezione che avrebbe portato a 30 nuove assunzioni a Tempa Rossa. Il loro racconto è importante perché pone una lente di ingrandimento su uno dei mali della nostra epoca: la paura (e, a volte, la certezza) che il sistema premi non per merito ma per santi in Paradiso. E, così, diventa tutto inutile: studiare, tentare, restare. E quando il verbo restare si coniuga con le difficoltà di una regione che soffre lo spopolamento, il tempo dovrebbe poter essere il presente. Questa lente è tanto più grande e profonda quanto sono le storie che ne vengono fuori. Come quelle di due donne: Francesca e Claudia (per loro useremo nomi di fantasia), entrambe di un paese lucano ma al di là dei confini delle concessioni Total (Corleto Perticara, Gorgoglione e Guardia Perticara). La rabbia di Francesca e Claudia (entrambe poco più che trentenni, una ingegnere chimico con diverse specializzazioni e l’altra con un diploma in un Istituto Tecnico Industriale) esplode dopo aver letto l’articolo sulla Gazzetta, in cui si parlava di ‘’anticipazioni’’ rispetto ai nomi dei 30 nuovi assunti a Tempa Rossa. “Monitorando le possibili offerte di lavoro attinenti con la mia laurea- spiega Francesca- ho visto questo annuncio di selezione per 30 tecnici per un anno di formazione e poi, nel caso, per l’assunzione. Mi sono candidata perché tutti i requisiti dell’avviso corrispondevano a quelli del mio percorso, sia nei titoli di studio che nei dati anagrafici. Nel mese di aprile, dalla Manpower, che si occupava dei test, ci comunicano tramite email la data della prima selezione, che si tenne a Tito”. E sono stati davvero tanti i giovani che hanno scommesso su questa selezione, divisa in più giorni e in più turni quotidiani. “Non ricordo quanti esattamente, ma prima e dopo di me c’erano altri turni”. Francesca racconta di aver notato un clima non esattamente ‘’blindato’’ come ci si aspetterebbe in una selezione. “Una volta finito ci hanno detto di aspettare una loro comunicazione- spiega Francesca- e dopo una decina di giorni ho chiamato alla Manpower ma mi è stato risposto che avevano consegnato le risposte alla Total che avrebbe fatto sapere l’esito del test”. Poi più nulla. “Ho avuto la risposta con un’email datata 30 agosto da parte della Manpower- dice- in cui mi è stato detto che le mie competenze non corrispondevano a tutti i requisiti richiesti. Girava voce, però, già dall’inizio dell’estate, che i 30 fossero già stati individuati e che già si parlava di fasi successive”. “Non avevo la presunzione che prendessero me- dice- ma almeno la serietà di comunicare il tutto rispettando i tempi”. “Tra l’altro- spiega Claudia- sinceramente troviamo a dir poco sminuente e triste che i sindaci della valle se la siano presa perché non erano state ripartite adeguatamente le quote di assunti nei loro tre comuni. La selezione valeva per tutti i residenti in Basilicata e i criteri di scelta sarebbero dovuti essere altri”. Il risultato? Almeno due: almeno due professioniste disilluse nei confronti della loro terra; nuovi interrogativi sulla trasparenza di una selezione, per la quale perlomeno si dovrebbe valutare la reale esistenza dei requisiti e dei titoli di studio di tutti i selezionati, perché è vero che sarà prevista la formazione ma è pur vero che se sono musicista, per esempio, non posso scavalcare un ingegnere per lavorare in un indotto petrolifero. “Evidentemente puoi essere brava quanto vuoi- dicono- ma se venissero confermate le ombre su questa selezione vorrebbe dire che vanno avanti solo quelli che hanno amicizie e santi in Paradiso. Come facciamo a non andare via?”.

Mariapaola Vergallito




ALTRE NEWS

CRONACA

25/09/2018 - Fiumicino:coppia di Potenza denunciata per furto di gioielli
25/09/2018 - In manette cittadino romeno per violenze e sfruttamento
24/09/2018 - San Costantino Albanese: muore mentre salda un tubo in metallo
24/09/2018 - Sanità:liberi ex dg e dirigente Asl Bari

SPORT

25/09/2018 - Promozione: il Lauria batte la Santarcangiolese di fronte al pubblico amico
25/09/2018 - A Potenza l’assemblea straordinaria elettiva del crb
24/09/2018 - La Basilicata ha partecipato al trofeo CONI Kinder+sport 2018
24/09/2018 - Promozione: comanda il Brienza. Salgono Lauria, Venosa, Bella e Possidente

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/09/2018 Sospensioni idriche 25 settembre 2018

-Policoro: a causa di un guasto improvviso è stato necessario sospendere l'erogazione idrica in via Gonzaga nel tratto compreso tra via Bologna e 1° Traversa. Il ripristino è previsto al termine dei lavori.

24/09/2018 Sospensione idrica in Basilicata

-Genzano di Lucania: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 15:30 di oggi fino al termine dei lavori, nelle seguenti vie: Monte Grappa, Monte Bianco, Rione Matteotti e zone limitrofe.
-Bella: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l’erogazione dell’acqua potabile sarà sospesa nell'intero abitato, a giorni alterni a partire da oggi, dalle ore 18.30 alle ore 06:00 del giorno seguente, salvo imprevisti

24/09/2018 Marsico Nuovo, oggi firma protocollo intesa per combattere usura

"Oggi pomeriggio, nella Sala consiliare del Comune di Marsico Nuovo alle ore 16.30, alla presenza del Prefetto Dott.ssa Giovanna Cagliostro, sarà firmato un Protocollo d'Intesa tra i sindaci e gli amministratori dei Comuni della Val d'Agri (Grumento Nova, Marsico Nuovo, Marsicovetere, Paterno, Sarconi, Tramutola e Viggiano) e la Fondazione nazionale Interesse Uomo, presiduta da Don Marcello Cozzi".
Lo comunicano in una nota i promotori dell'iniziativa.
"Il protocollo, nato da un percorso di confronto tra le parti, intende promuovere una collaborazione tra enti pubblici e associazioni impegnate nel sociale per sostenere, quanti fortemente sovraindebitati sono maggiormente esposti al rischio usura e a quanti, già vittime di usura, intendono avviare il difficile percorso della denuncia".

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo