HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Fondi case popolari e periferie: l’allarme dell’ater Potenza

9/08/2018



Il provvedimento del riparto delle risorse destinate in particolare al Programma di recupero periferie dei Comuni, se non sarà modificato, avrà ripercussioni pesanti soprattutto a Potenza e nello specifico sul futuro del “Programma Bucaletto”.
All’Ater di Potenza l’amministratore Domenico Esposito e lo staff tecnico hanno fatto una prima valutazione esprimendo grande preoccupazione tenuto conto che l’intero Programma Bucaletto - che il Comune capoluogo ha candidato al Programma nazionale ottenendo un punteggio tra i più alti - con una previsione di spesa di 18 milioni di euro complessivi (10 milioni per la costruzione di 100 nuovi alloggi e 8 milioni per la qualificazione della “Cittadella” con servizi ai cittadini) rischia uno stop. Inoltre, solo un mese fa è stato presentato da Regione, Comune di Potenza ed Ater un bando che è il risultato di un accordo di programma finanziato con circa quattro milioni di euro che prevede che attraverso una social card e contributi economici (da 300 a 400 euro al mese per nucleo familiare) ai cittadini che lasceranno i prefabbricati costruiti per affrontare l’emergenza abitativa successiva al terremoto del 1980.
Sono arrivate già oltre 80 domande – riferisce l’amministratore Ater Esposito – e non sappiamo cosa fare, perché se non saranno confermate le risorse nazionali il pericolo di fermare il bando è reale. Le conseguenze si abbatterebbero pertanto direttamente sulle numerose famiglie di Bucaletto che hanno avuto fiducia ed hanno condiviso la strategia di Regione, Comune e Ater di ridare finalmente dopo 38 anni una casa a chi l’ha persa. In questa prima fase – ricordano all’Ater di Potenza – l’obiettivo del Programma è di abbattere circa 170 prefabbricati contando su 3 milioni di euro provenienti dai fondi dell’ex ”card carburante”, ed uno dal Piano per le periferie, proprio quel piano che adesso il Governo ha messo in discussione, mentre la Regione ha fatto più della sua parte con risorse proprie.
Per l’Ater c’è ancora un’ulteriore penalizzazione: solo la settimana scorsa è stata firmata con il Comune di Potenza una convenzione per l’affidamento in gestione di 24 alloggi realizzati nella cosiddetta seconda torre di case popolari costruite a Bucaletto. Senza nuove case che l’Azienda successivamente mette in vendita non si alimenta la quota del patrimonio necessario per la costruzione di nuovi alloggi di cui c’è assoluto bisogno.
Circa due mesi fa nell’assemblea nazionale di Matera Federcasa, a cui aderiscono gli Ater di Potenza e Matera, lanciò una forte sollecitazione al Governo: i soldi veri per la manutenzione straordinaria messi dai governi Renzi e Gentiloni vanno confermati e potenziati. “Chiediamo al tempo stesso al governo Conte – è stato il messaggio da Matera - di investire risorse importanti sul piano periferie, per consentire una riqualificazione vera delle aree ad alta densità abitativa, in termine di vita di quartiere e di qualità dell’abitare, elementi che contraddistinguono la nostra quotidianità”.
La ricerca che abbiamo presentato a Matera, ‘Casa bene comune’, realizzata insieme alle più prestigiose università italiane – sottolinea Esposito - conferma la centralità delle case popolari, vere e proprie infrastrutture sociali e ci indica la direzione da seguire: incrementare certamente il numero degli alloggi ponendo contestualmente grande attenzione alle mutate esigenze sociali. E per questo continueremo l’iniziativa con Federcasa a fianco delle Regioni e dei Comuni (con solo della nostra regione) danneggiati dalla scelta del Governo che va modificata nell’interesse dei cittadini.




ALTRE NEWS

CRONACA

21/10/2018 - Maltempo: domani allerta arancione in Basilicata
21/10/2018 - Furti a Senise, nota dell'amministrazione
21/10/2018 - Potenza: muore finendo negli ingranaggi del trattore
21/10/2018 - Matera: furto nel market, ai domiciliari

SPORT

22/10/2018 - Promozione: l’Atletico Lauria viola il Mancinelli e si conferma al comando
22/10/2018 - Altalenante fine settimana per il settore giovanile del Matera calcio
21/10/2018 - Promozione: colpo della capolista grazie a Olivieri. Ok Brienza e Paternicum
21/10/2018 - Potenza Calcio: secondo successo esterno,1-0 al Siracusa

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/10/2018 Potenza: corso di “Disostruzione pediatrica”

L’Associazione Dopo Di Noi onlus di Potenza realizza un interessante corso di “Disostruzione pediatrica” presso il Centro dei servizi del volontariato (CSV) di Via Sicilia , 6 di Potenza il giorno 24 Ottobre alle ore 16,00. In collaborazione con l’Associazione “Respiriamo” del dott. Domenico Lamagna e con il patrocinio del CSV e dell’Associazione RE-HEART che promuove le tecniche di primo soccorso anche in ambito familiare, è diretto alla conoscenza delle manovre da adottare in presenza di disostruzione pediatrica e della prima infanzia.
Il corso, del tutto gratuito, è consigliato alle famiglie, alle insegnanti degli asili e delle scuole ed a tutti gli addetti ai lavori che prestano la loro opera per gestire situazioni di inalazione di corpi estranei.
Ai partecipanti sarà consegnato il materiale informativo delle pratiche da adottare.

21/10/2018 Serie D girone I – risultati 6^ giornata

Marsala Calcio – Bari 1 – 1
Castrovillari Calcio – Sancataldese Calcio 1 – 1
Città di Messina – Troina 0 – 0
Gela Calcio – Nocerina 1910 1 – 2
Igea Virtus Barcellona – Calcio Cittanovese 0 – 4
Locri 1909 – Rotonda Calcio 3 – 0
Palmese 1912 – Portici 1906 0 – 0
Turris Calcio – Messina 2 – 1

21/10/2018 Calcio 1^Ctg./B: risultati 4^ giornata

A.Montalbano – Elettra Marconia 2-1
Castelsaraceno – Irsina 2-1
L.Montescaglioso – Salandra 0-1
Peppino Campagna Bernalda – Tricarico Pozzo Sicar 3-1
Tursi – Viggianello 2-0
V.R.Episcopia – Tramutola 0-1
Città Dei Sassi Matera – Montemurro 5-1

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo