HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Metaponto: sgomberate le aree dove risiedevano i migranti

13/06/2018



Questa mattina all’alba sono state effettuate le operazioni di sgombero delle aree in cui a Metaponto centinaia di cittadini stranieri risiedevano abusivamente, in condizioni a dir poco precarie. Si tratta di cittadini stranieri regolari, quindi in uno status avanzato rispetto ai migranti ospitati nei centri di accoglienza e che quindi hanno documenti e regolare permesso di soggiorno. Sono tre i luoghi in cui queste persone risiedevano: l’ex falegnameria Pizzolla e l’ex fabbrica Montubi, sono aree private; un’area comunale che si trova sotto un ponte a pochi metri dalla stazione lungo la strada che porta vero il lido. Questa mattina, intorno alle 5, è cominciato lo sgombero alla presenza di circa 60 uomini delle Forze dell’Ordine. L’ordinanza di sgombero era stata emessa dal Comune di Bernalda lo scorso 3 maggio. Una situazione antica, perché i migranti da oltre un decennio, come racconta anche un verbale di un incontro in prefettura di poche settimane fa, occupano abusivamente alcune aree per le quali già in passato sono stati adottati provvedimenti di sgombero. Metaponto è uno snodo cruciale per la manodopera straniera che viene impiegata nei campi. Ieri mattina, nel Comune, si era svolto un incontro.

Molto chiare le posizioni delle associazioni rappresentate dall'avvocata Angela Bitonti che, pur d'accordo con il trasferimento dei cittadini (le aree occupate sono davvero in una condizione indescrivibile a parole), hanno sempre chiesto che si trovasse prima una soluzione alloggiativa.

“Viste le condizioni disumane nelle quali questi poveretti sono costretti a vivere- aveva spiegato più volte l’avvocata Bitonti- occorre trovare soluzioni alternative adeguate e bisognava trovarle prima di attuare l’ordinanza di sgombero, alla quale ci siamo sempre opposti e continueremo a farlo”. Queste soluzioni, però, non sono state trovate. Si stanno violando anche principi inderogabili, che obbligano lo Stato ad adottare misure di contrasto alla povertà, al disagio e alla vulnerabilità. Ricorreremo al Tar contro l’ordinanza di sgombero coatto, sperando in una sospensiva. Tra l’altro, mi è stato assicurato che il provvedimento è stato tradotto e notificato insieme a tutte le informazioni consequenziali, come la garanzia di accesso alla giustizia attraverso i legali. Dicono di aver usato mediatori che traducevano, ma devono dimostrarci che i destinatari abbiano effettivamente compreso cosa stia accadendo”.

Che si stesse muovendo qualcosa per scongiurare che i ragazzi, una volta sgomberate le aree, restassero in condizioni peggiori senza nemmeno un tetto fatiscente sulla testa, ce lo spiega don Mariano, uno dei parroci di Bernalda. Ci spiega, telefonicamente, che, di concerto con il Vescovo, si stava pensando di trovare delle alternative.
“E’ stata un’azione tempestiva quella di stamattina- ci dice- e sinceramente non ce l’aspettavamo perché l’avvocato ci aveva fatto sapere che lo sgombero sarebbe stato effettuato il 2 luglio. Certo, si trattava comunque di un tempo non lungo, ma che ci avrebbe consentito di poter organizzare un’alternativa”. Un tempo necessario anche per pensare, assieme ai ragazzi, alla possibilità di fare ricorso.
Attualmente cinque ragazzi (non tutti, però, provenienti dalle aree sgomberate) sono ospitati nella struttura inter parrocchiale della Caritas. Un ragazzo, per esempio, che si trovava nell’area dell’ex fabbrica, è in partenza per la Francia.
Si tratta, infatti, di lavoratori che si muovono molto. Alcuni, per esempio, sono in partenza per il foggiano o per Rosarno. Metaponto è un luogo appetibile perché è grande la richiesta. Alcuni, in passato, sono riusciti a prendere in affitto appartamenti, unendo le forze. Per altri non è stato possibile.
Questa non è una storia chiusa. Anzi. Quello che si sta verificando in queste ore era già accaduto negli anni passati. Bisogna solo lavorare tutti insieme per trovare una soluzione che consenta di abbandonare definitivamente lo stato di degrado nel quale versavano questi ragazzi.

Mariapaola Vergallito





ALTRE NEWS

CRONACA

23/06/2018 - Gorgoglione: a una donna anziana rubati bancoposta e oltre 5 mila euro
23/06/2018 - Rotonda: il Comune non restituirà 92mila € e ne incasserà 654 mila per lo stadio
23/06/2018 - Venosa. Incassano vincite Gratta & vinci rubati
23/06/2018 - Billi Joe Armstrong arriva nella ''sua'' Viggiano

SPORT

23/06/2018 - FCI Basilicata. Su il sipario all’edizione numero 18 della Pollino Bike Marathon
23/06/2018 - Futsal: Tiago GOLDONI va al Svamoda-San Gerardo C5 Potenza
21/06/2018 - Futsal Senise: Scarpino saluta, la società lo ringrazia per il lavoro svolto
20/06/2018 - Calcio a 5,la Paul Mitchell Futsal PZ cambia nome!

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/06/2018 Sospensioni idriche 22 giugno 2018

Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 13:00 di oggi salvo imprevisti in Via Rocco Scotellaro dal civico n.143 al civico n.155 e dal civico n.116 al civico n.140 - Via Carlo Alberto dal civico n.1 al civico n.26 - Via Nazionale - C/da Cona (altezza palazzo Forastieri 3F)

21/06/2018 Sospensione idrica oggi 21 giugno 2018

Maschito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa, nell'intero abitato, dalle ore 10:45 di oggi fino al termine dei lavori.

21/06/2018 Matera, domani al via XV edizione "500 km della Basilicata"

Domani, venerdì 22 giugno, con partenza da Matera (via XX Settembre) alle ore 18.30, avrà inizio la XV edizione della "500 km della Basilicata", raduno di precisione dedicato ad auto storiche, che durerà l'intero fine settimana. La partenza della seconda tappa, da Potenza (piazza Del Sedile), è prevista sabato 23 giugno alle ore 10.30. La premiazione si terrà domenica 24 giugno, alle ore 11.30, presso Villa Nitti in località Acquafredda di Maratea. La manifestazione è organizzata dall’associazione Historical Motoring Organization 678 Scuderia di Potenza con Automobile Club Potenza e Aci Storico, e con il patrocinio morale di Regione Basilicata, APT Basilicata, UNPLI Basilicata, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e di tutti i Comuni interessati dall’evento.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo