HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Metaponto, avv. Bitonti: ‘Sgombero per migranti, ricorreremo al Tar’

12/06/2018



Questa mattina si è tenuto un incontro, durato un paio d’ore, tra il sindaco di Bernalda, Domenico Tataranno, e le associazioni per discutere della questione degli alloggi dei migranti dopo l’ordinanza di sgombero dai campi abusivi dove vivono in seguito a una nota dell’Azienda Sanitaria di Matera, che ne dichiarava l’insalubrità. Presenti l’Osservatorio Migranti Basilicata, con il presidente Gervasio Ungolo, Yasmine Accardo, coordinatrice nazionale della campagna “LasciateCiEntrare”, e l’avvocato Abate dell’Associazione Studi Giuridici per l’Immigrazione Basilicata.
“Il sindaco ha confermato l’adozione dell’ordinanza quale atto dovuto e non ci saranno altri incontri poiché lui non ha nessun potere e questa vicenda non ha soluzione”, ci ha spiegato l’avvocato delle associazioni dei migranti Angela Bitonti, presente anche lei alla riunione. “In ogni momento – ha aggiunto – potenzialmente già da questa sera, queste persone saranno costrette a dormire per strada”. Parliamo di circa 80 migranti, “ma secondo noi sono di più” sostiene la legale, “tutti con regolare permesso di soggiorno”.
Le associazioni sono favorevoli agli sgomberi, viste le condizioni disumane nelle quali questi poveretti sono costretti a vivere, ma con “la necessità di trovare soluzioni alternative adeguate”. “Il sindaco dice di aver presenziato a diversi tavoli tecnici – ha osservato la giurista –, e in nessuno è stata trovata una soluzione. Per cui, data l’esecutività, da un momento all’altro questi alloggi verranno demoliti e queste persone finiranno in mezzo a una strada. Mettendo a rischio se stessi e gli altri abitanti di Metaponto sia per ragioni sanitarie, che sociali”. Nessun intervento nemmeno da parte della Regione. “Ma in questo caso di salute pubblica dovrebbe intervenire la Prefettura che, data l’urgenza, dovrebbe individuare un luogo dove mandarli”. La questione è anche economica, burocratica e, soprattutto, politica. “Il sindaco ci ha detto che realizzare degli alloggi è troppo costoso, e necessita di tempi di attesa molto lunghi perché bisogna partecipare a bandi europei. Inoltre, ha affermato che la gente non vuole che vengano costruiti”.
“Inutile concedere – ha sottolineato l’avvocato Bitonti – particolari status di protezione, se poi ci dimentichiamo di tutelare i diritti fondamentali. Fossero stati clandestini sarebbero stati accolti nei Cpr, mentre, paradossalmente, considerando che questi sono regolari vengono messi sull’asfalto e abbandonati a loro stessi”. “Non solo, ma si stanno violando anche principi inderogabili, che obbligano lo Stato ad adottare misure di contrasto alla povertà, al disagio e alla vulnerabilità”.
L’avvocatessa pensa di adire le vie legali. “Ricorreremo al Tar contro l’ordinanza di sgombero coatto, sperando in una sospensiva. Tra l’altro, mi è stato assicurato che il provvedimento è stato tradotto e notificato insieme a tutte le informazioni consequenziali, come la garanzia di accesso alla giustizia attraverso i legali. Dicono di aver usato mediatori che traducevano, ma devono dimostrarci che i destinatari abbiano effettivamente compreso cosa stia accadendo. Amnesty International ha individuato una serie di condizioni da tenere in considerazione in caso di sgombero coatto, come ad esempio l’estrema ratio. Ne verificheremo il rispetto”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it

DAI NOSTRI ARCHIVI:




ALTRE NEWS

CRONACA

15/10/2018 - Cisl e Uil su incidente alla Ageco
15/10/2018 - Le offre stanza poi la violenta, arrestato 41enne originario di Melfi
15/10/2018 - Elezioni in Basilicata forse il 20 gennaio
15/10/2018 - Basilicata. Nove ristoranti su 13 irregolari

SPORT

15/10/2018 - San Gerardo C5 PZ, Goldoni segna e bacia la maglia: 'La onorerò per sempre'
15/10/2018 - Matera Calcio:Lamberti nuovo socio di maggioranza.Colucci dg
15/10/2018 - 5^ giornata campionati regionali U17 e U15
15/10/2018 - Fine settimana negativo per il settore giovanile del Matera Calcio

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

15/10/2018 16 ottobre 2018: riapertura studio medico Salam c/o Ce.St.Ri.M. Potenza

Lo studio medico Salam – Salute e Pace, attivo presso il Ce.St.Ri.M di Potenza dall’aprile 2017, grazie alla collaborazione di diverse figure professionali volontarie (medici, infermieri, ostetriche, psicologi…) ha avviato un’attività di medicina sociale, indirizzata primariamente (ma non esclusivamente) all’assistenza dei migranti irregolari. Dopo la chiusura estiva l'Ambulatorio riapre domani 16 Ottobre con nuove modalità operative. È possibile prenotare una visita specialistica gratuita chiamando il numero 324 89 69 439 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16.00 alle 20.00 e consultando il sito Internet www.cestrim.org e la pagina Facebook del Ce.St.Ri.M. sui quali saranno pubblicate le date e i nomi degli specialisti disponibili. Le visite di medicina generale, al contrario, non richiederanno alcuna prenotazione. Per il mese di ottobre il calendario degli appuntamenti è il seguente: Visite specialistiche (richiesta prenotazione) Martedì 16 Otorinolaringoiatria – dott.ssa Langone Martedì 23 Odontoiatria – dott. Di Trana Mercoledì 24 Neurologia – dott.ssa Acquistapace Visite di medicina generale (senza prenotazione) Giovedì 18 Medicina Interna – dott. Pennacchio ore 11.00-13.0 Venerdì 26 Medicina Generale – dott. Buchicchio ore 16.00-18.00

15/10/2018 Sospensione idrica a Ginestra

Ginestra: a causa di un guasto improvviso, nell'intero abitato potrebbe verificarsi cali di pressione e o mancanza di erogazione idrica dalle ore 09:30 alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

14/10/2018 Calcio 1^ Ctg./B:risultati 3^ giornata

Elettra Marconia – Città Dei Sassi Matera 2-1
L.Montescaglioso – Tursi 1-3
Montemurro – VR Episcopia Calcio 2-6
Salandra – Irsina 1-3
Tramutola – Peppino Campagna Bernalda 0-1
Tricarico Pozzo Sicar – Castelsaraceno 2-0
Viggianello – A.Montalbano 0-2

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo