HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Parco e Osservatorio rispondono a Bonafine che però pensa alla magistratura

17/04/2018



Continua lo stillicidio di risposte alle diffide inoltrate dall’avvocato Enzo Bonafine in nome e per conto dell’associazione Radar. In seguito agli esposti dell’associazione, ricordiamo, la Centrale del Mercure è stata ispezionata dalla Procura di Castrovillari in un’azione, quella portata avanti da Radar, che evidenzia ancora di più l’immobilismo di altre istituzioni deputate al controllo. Non a caso, in relazione all’obbligo sancito al Mise di riduzione del 20% delle emissioni del complesso a biomassa, la stessa Arpacal ha risposto all’avvocato Bonafine di non saperne nulla (sic!) e di rivolgersi ai soggetti firmatari dell’intesa.
Domenico Pappaterra, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, in una recentissima nota sempre in riferimento all’abbattimento delle immissioni della centrale, ha fatto sapere di “aver chiesto di fornire le informazioni al Responsabile Tecnico Scientifico dell’Osservatorio prof. Marsili e ai tecnici della fondazione per lo sviluppo sostenibile che come è noto (non si sa a chi visto che le riunioni dell’Osservatorio non sono aperte e gli atti non sono certo di dominio pubblico, ndr) svolgono le attività tecniche proprio dell’osservatorio”.
Pappaterra invece si ritiene soddisfatto perché “Enel, insieme agli altri soggetti firmatari dell’Accordo Mise, ha dato attuazione agli impegni di natura socio economica di cui agli articoli 6, 7, 8, e 9 dell’accordo”. Insomma: Enel sta rispettando quanto pattuito distribuendo a pioggia i milioni delle compensazioni, e Regioni, Parco e Comuni stanno tenendo perfettamente fede ai propri impegni incassandoli tutti fino all’ultimo centesimo.
Marsili, dal canto suo, ha scritto che “l’attività di ricerca, analisi e reporting” sulla Centrale “sta regolarmente proseguendo” secondo un progetto che prevede attualmente si stia elaborando “la prima bozza di relazione da presentare e discutere nell’Osservatorio Ambientale” e di aver inviato informazioni lo scorso “10 aprile”.
Non si è fatta attendere la replica di Bonafine. “Si è formalmente riconosciuto che sono stati attuati gli impegni di natura socio – economica, ovvero per meglio dire sono stati soltanto elargiti i fondi previsti dalle misure di compensazione, oltretutto impiegati senza vincolo di destinazione alla mitigazione degli effetti negativi sull’ambiente e la salute prodotti dall’impianto”. “Mentre su tutti gli altri punti – sbotta il giurista – si rinvia a una nota allegata a firma del responsabile scientifico dell’osservatorio dalla quale, tra tanti giri di parole, non si dice un bel nulla, ricavandosi conferma, piuttosto, che ancora oggi, a distanza di più di due anni dalla messa in esercizio dell’impianto, non viene svolta alcuna concreta attività di controllo, attesi che si è fermi all’acquisizione dei dati per l’elaborazione della prima bozza di relazione”. “Nessuna verifica è stata svolta sull’impegno di abbattimento del 20% dei livelli di inquinamento cogente sin dalla sottoscrizione dell’accordo”. “Contesto – conclude Bonafine – la teatrale inosservanza degli obblighi di legge. La violazione di tali prescrizioni costituisce ragione di illegittimità che impone la sospensione dell’autorizzazione unica e può assumere rilevanza penale. Mi riservo di informarne la Magistratura”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it






ALTRE NEWS

CRONACA

20/07/2018 - Riesame: "Pittella resta ai domiciliari"
20/07/2018 - Lavori mai eseguiti ma pagati,3 indagati
20/07/2018 - Riunito Comitato Provinciale MT per Ordine e Sicurezza su abusivismo Commerciale
19/07/2018 - Matera,arrestato 35enne per rapina,spaccio droga e ricettazione

SPORT

20/07/2018 - San Gerardo C5: arriva il fuoriclasse portoghese GRAçA!
19/07/2018 - G. Siviglia: L’ORSA non giocherà in B
19/07/2018 - Eccellenza: Pioggia e Nicolao passano al Real Metapontino
19/07/2018 - Rinascita Lagonegro:ufficializzati i calendari della prossima stagione di A2

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/07/2018 Con un coltello minaccia datore lavoro, denunciato a Matera

Per aver minacciato con un coltello il titolare del bar in cui lavora, a Matera, un uomo di 40 anni è stato denunciato dai Carabinieri in stato di libertà alla magistratura. La lite tra i due era cominciata - secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma - per motivi banali. (ANSA).

19/07/2018 Sospensioni idriche 19 luglio 2018

Pisticci: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 14:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti, nell'abitato, nelle zone rurali, nelle contrade San Leonardo e San Pietro e zone limitrofe.
Melfi: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile dalle ore 22:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina potrebbe essere sospesa o subire cali di pressione, nelle seguenti zone: Valleverde, contrade Cardinale e Bicocca, frazione Leonessa.

18/07/2018 Lavello. Ha un coltello lungo 27 cm, denunciato cittadino marocchino

Trovato in possesso di un coltello a serramanico lungo 27 centimetri, a Lavello (Potenza), un cittadino marocchino di 36 anni è stato denunciato dai Carabinieri. L'uomo - accusato di porto illegale di armi e/o oggetti atti ad offendere - è stato fermato durante un controllo effettuato dai militari dell'Arma lungo la strada statale 655.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo