HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Lavoratori Eipli senza stipendio, sindacati: 'pronti a bloccare gli impianti'

23/02/2018



Malgrado gli impegni assunti dalle autorità il 21 dicembre scorso nel corso delle manifestazioni tenutesi dinanzi alla Prefettura di Bari ed alla Regione Basilicata, nell’EIPLI continua a persistere lo stato di difficoltà dei lavoratori. Lavoratori che ad oggi non hanno ancora percepito gli stipendi del mese di dicembre, con relativa tredicesima, dei mesi di gennaio, febbraio, gli incentivi, buoni pasto ed rimborsi chilometrici. Un ritardo di quattro mesi di salario che pesa sulle famiglie che in molte situazioni sono anche monoreddito. I lavoratori non possono sopportare più questi ritardi che stanno comportando anche situazioni incresciose, con le banche che stanno considerando i lavoratori non più affidabili, con le gravi conseguenze che ne possono derivare. I lavoratori, pur apprezzando gli sforzi che l’Amministrazione sta facendo in ogni direzione per risolvere la grave situazione denunciata, sono costretti a mettere in atto ogni azione a tutela dei propri diritti, diffidando sin da ora l’amministrazione in ordine ai danni morali e materiali che potranno scaturire dal persistere della crisi in atto. Chiedono con forza che si convochi al più preso un incontro con le scriventi OO.SS., alla presenza degli stessi lavoratori, al fine di chiarire una volta per tutte, le problematiche che impediscono ad un Ente, che gestisce enormi risorse, di non poter garantire uno dei diritti fondamentali che è quello della certezza di percepire le proprie spettanza, a fronte di una prestazione lavorativa. Le azioni esperite nei confronti di chi gestisce la tesoreria dell’Ente, evidentemente, non sono state adeguatamente sufficienti. Sarebbe opportuno richiamare la banca stessa alle proprie responsabilità in ordine ad una condotta illecita che impedisce all’Ente la corretta gestione delle proprie risorse, specialmente quando queste sono costituite, principalmente, dai salari maturati dai propri lavoratori. La giustificazione della banca, di non poter operare in presenza di contratto scaduto, non sottrae la stessa dall’obbligo di assicurare un servizio essenziale sino al subentro di un nuovo tesoriere o un rinnovo del contratto stesso. Val bene sottolineare che l’EIPLI garantisce, attraverso il sacrificio dei suoi lavoratori, il quotidiano approvvigionamento di acqua per civili abitazioni, aziende agricole e industriali dei territori di Puglia e Basilicata, di converso, non si può negare ai lavoratori ciò che gli spetta. Le scriventi OO.SS. si faranno carico di interessare le rispettive Segreterie Nazionali di Federazione al fine di favorire anche l’autorevole intervento del Ministero dell’Agricoltura, per quanto di propria competenza, in quanto organo vigilante. Si ribadisce, infine, che qualora non saranno assunti urgenti provvedimenti in merito, le scriventi OO.SS., si vedranno costrette a ricorrere a tutti gli strumenti consentiti dalla legge per far valere i diritti dei lavoratori, con azioni di protesta più incisive, fino ad arrivare al blocco degli impianti.


Patrizia Tomaselli F.P. CGIL

Massimo De Giorgi CISL F.P.

Gennaro Rosa UIL P.A.



ALTRE NEWS

CRONACA

15/10/2018 - Cisl e Uil su incidente alla Ageco
15/10/2018 - Le offre stanza poi la violenta, arrestato 41enne originario di Melfi
15/10/2018 - Elezioni in Basilicata forse il 20 gennaio
15/10/2018 - Basilicata. Nove ristoranti su 13 irregolari

SPORT

15/10/2018 - San Gerardo C5 PZ, Goldoni segna e bacia la maglia: 'La onorerò per sempre'
15/10/2018 - Matera Calcio:Lamberti nuovo socio di maggioranza.Colucci dg
15/10/2018 - 5^ giornata campionati regionali U17 e U15
15/10/2018 - Fine settimana negativo per il settore giovanile del Matera Calcio

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

15/10/2018 16 ottobre 2018: riapertura studio medico Salam c/o Ce.St.Ri.M. Potenza

Lo studio medico Salam – Salute e Pace, attivo presso il Ce.St.Ri.M di Potenza dall’aprile 2017, grazie alla collaborazione di diverse figure professionali volontarie (medici, infermieri, ostetriche, psicologi…) ha avviato un’attività di medicina sociale, indirizzata primariamente (ma non esclusivamente) all’assistenza dei migranti irregolari. Dopo la chiusura estiva l'Ambulatorio riapre domani 16 Ottobre con nuove modalità operative. È possibile prenotare una visita specialistica gratuita chiamando il numero 324 89 69 439 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16.00 alle 20.00 e consultando il sito Internet www.cestrim.org e la pagina Facebook del Ce.St.Ri.M. sui quali saranno pubblicate le date e i nomi degli specialisti disponibili. Le visite di medicina generale, al contrario, non richiederanno alcuna prenotazione. Per il mese di ottobre il calendario degli appuntamenti è il seguente: Visite specialistiche (richiesta prenotazione) Martedì 16 Otorinolaringoiatria – dott.ssa Langone Martedì 23 Odontoiatria – dott. Di Trana Mercoledì 24 Neurologia – dott.ssa Acquistapace Visite di medicina generale (senza prenotazione) Giovedì 18 Medicina Interna – dott. Pennacchio ore 11.00-13.0 Venerdì 26 Medicina Generale – dott. Buchicchio ore 16.00-18.00

15/10/2018 Sospensione idrica a Ginestra

Ginestra: a causa di un guasto improvviso, nell'intero abitato potrebbe verificarsi cali di pressione e o mancanza di erogazione idrica dalle ore 09:30 alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

14/10/2018 Calcio 1^ Ctg./B:risultati 3^ giornata

Elettra Marconia – Città Dei Sassi Matera 2-1
L.Montescaglioso – Tursi 1-3
Montemurro – VR Episcopia Calcio 2-6
Salandra – Irsina 1-3
Tramutola – Peppino Campagna Bernalda 0-1
Tricarico Pozzo Sicar – Castelsaraceno 2-0
Viggianello – A.Montalbano 0-2

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo