HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Maltempo: traffico congestionato su A2 e Fondovalle del Noce.Alcune scuole chiuse

14/02/2018



La perturbazione prevista per questa notte sta già creando disagi alla circolazione stradale, in particolare sulle maggiori arterie. Nonostante una debole nevicata che ha investito l’area del Lagonegrese nel pomeriggio, gli addetti Anas, intorno alle 16.00, hanno chiuso l’A2 del Mediterraneo all’altezza dello svincolo per Lagonegro Nord; il traffico è deviato lungo la Fondovalle del Noce, anche essa congestionata in alcuni tratti con forti rallentamenti a causa di alcuni automezzi che hanno riscontrato problemi a causa del manto scivoloso. Disagi si registrano anche lungo la Fondovalle dell’Agri.
Da Pergola fino a Brienza il traffico è bloccato con persone costrette a restare in auto per circa un ora.
Ricordiamo che la perturbazione dovrebbe insistere sulla nostra regione fino a domani mattina, con un successivo miglioramento che accompagnerà i lucani almeno fino alla giornata di domenica.
fondovalle Noce innevatafondovalle Noce innevata. Questa era la situazione sulla fondovalle del Noce alle ore 17:00 e sulla val d' agri tratto pergola Brienza.

(in aggiornamento)




Maltempo SCUOLE CHIUSE A



LAURIA
Chiaromonte
Latronico
Viggiano
Viggianello
Marsicovetere
Francavilla (chiusura già prevista per sospensione idrica)
Senise
Lagonegro
Nemoli
Rivello
Episcopia
Potenza
Moliterno
Grumento Nova
Brienza
Marsicovetere nuovo
Paterno
Montemurro
Tramutola
Sarconi
Fardella
Teana
Castronuovo SA
Roccanova
Anzi
Calvello
Laurenzana
Castelmezzano
Abriola
Rapone
Ruoti
Ruvo del Monte
Albano
Rotonda
Corletto Perticara
Guardia Perticara
Gallicchio
Maschito
Pietrapertosa
San Fele
Vaglio di Lucania
Ruvo del monte
Sasso di Castalda
Castelsaraceno anche il 16 febbraio





Lasiritide.it

foto facebook

14/02/2018 - Maltempo: in Basilicata attesa la neve anche a quote basse
Dal primo pomeriggio di oggi mercoledì 14 febbraio 2018 e per le successive 12-18 ore si prevedono nevicate al di sopra dei 300-600 metri su Campania, Basilicata e Puglia e al di s...-->continua



ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla sconfitto in casa dal Sorrento
23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo