HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il Parco diffida Enel a fornire i dati sulle biomasse

14/02/2018



Domenico Pappaterra, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, con una missiva risalente allo scorso 23 gennaio, ha diffidato Enel Produzione a fornire, “entro 10 giorni”, “la documentazione in merito al piano di approvvigionamento di biomasse”, richiesta già in precedenza con due diverse note datate “10 aprile e 18 maggio del 2017”, ma che tuttora “Enel non ha inteso fornire”. La stessa multinazionale “ha manifestato la propria disponibilità – continua la nota sottoscritta da Pappaterra – a fornire i dati richiesti solo se ritenuto opportuno dall’autorità che ha rilasciato l’autorizzazione (Regione Calabria)”. Tuttavia, il presidente del Parco ha precisato che “la scrivente Amministrazione nell’ambito delle proprie prerogative nella gestione e governo del territorio dell’area protetta in cui è ubicato l’impianto della Centrale del Mercure, ritiene necessario acquisire i dati già richiesti”. La richiesta si fonda anche sulle recenti indagini della DDA di Catanzaro dalle quali è emerso “il coinvolgimento – si legge nell’atto – di alcune ditte boschive che presumibilmente forniscono biomasse per l’alimentazione della Centrale del Mercure in episodi e fatti di criminalità organizzata”. “Nonché alla luce delle vibrate proteste poste in essere dai residenti nei comuni limitrofi alla Centrale medesima evidentemente preoccupati per i fatti riportati sui principali quotidiani e media nazionali”. In ragione di tutto questo “nella seduta del 18/01/2018, il Consiglio Direttivo ha ritenuto non più procrastinabile l’acquisizione dei dati più volte richiesti”. Segnatamente, L’Ente Parco vuole conoscere: “l’elenco di fornitori impiegati”; “quantità di biomassa acquistata”; “volumi acquistati ripartiti per provenienza e tipologie di specie arboree”; “copie certificati di origine rilasciati dai fornitori”; “copia della documentazione attestante la qualità delle biomasse approvvigionate”.

La questione è stata oggetto di un ordine del giorno di una riunione, tenutasi lo scorso 7 febbraio, del Comitato Tecnico Scientifico, organo di verifica e controllo che si riunisce almeno due volte l’anno e di cui fanno parte esponenti di Apacal, Arpab, e della Regioni Calabria e Basilicata. Ebbene, in questa sede Enel ha fatto sapere che per quanto concerne le notizie circa l’approvvigionamento delle biomasse “si impegna a dare riscontro nel più breve tempo possibile”. Ma, dando per scontato che la pec sia stata inviata e ricevuta nello stesso giorno della data della missiva, “l’ultimatum” posto dall’Ente Parco dovrebbe essere scaduto 5 giorni prima, ossia venerdì 2 febbraio.

“Mi sento offeso – commenta Ferdinando Laghi – per come Enel sta trattando l’Ente Parco, non riconoscendoci come interlocutori che invece si sceglie. E ci obbliga a passare per il Comitato Tecnico Scientifico, nonostante il Parco sia di fatto l’Ente di governo del territorio. Eppure – spiega il rappresentate del forum Gioia – per due anni ci ha inviato quelle pochissime informazioni sulle biomasse, mentre ora dicono che dovrebbe richiederli la Regione Calabria e che prima o poi risponderanno”. “Sono molto deluso e contrariato perché si era detto che il Parco avrebbe abbandonato la riunione qualora non fossero starti forniti i dati, cosa che non è avvenuta. Avrei voluto andare anch’io, ma mi era stato detto che sarebbe stato presente anche un legale dell’Ente, che invece e non so come mai, era assente”.
“Non è più ammissibile – tuona il prossimo presidente Isde International – pensare di proseguire ulteriormente questo stucchevole carteggio che va avanti ormai da più di due anni. Ricordo che in tutto questo tempo, nonostante le mie continue richieste abbiamo ricevuto al massimo solo un sintetico documento aggiornato all’aprile 2016 e uno ancora più scarno fino a Marzo 2017. Per cui adesso è il momento di agire”.
“Il Parco non può essere trattato così. Per cui, innanzitutto, si chieda immediatamente il fermo della Centrale. Dopodiché – ci anticipa il primario – , io stesso domanderò al presidente dell’Ente Parco cosa ha intenzione di fare di fronte a questo ennesimo schiaffo. Visto che si accettano i proventi delle compensazioni, si devono però pretendere anche queste informazioni. Ora si agisca in tutte le sedi e nei modi previsti dalla legge per far valere i propri diritti. Nessuna ulteriore inutile sollecitazione. Questo anche a tutela dell’immagine del Parco, che non può essere svillaneggiata da chi dando soldi crede di potersi permettere questo atteggiamento irridente e offensivo, e mi auguro che anche il presidente e i miei colleghi provino le mie stesse sensazioni. Inoltre – sbotta e conclude il primario –, si rammenti che questo andare avanti nonostante i continui appelli di chi chiedeva informazioni e di fermare l’attività dell’impianto nella Valle del Mercure, ha fatto e fa correre rischi sociali al nostro territorio”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

20/08/2018 - Tragedia nel parco del Pollino: escursionisti morti nel Raganello
20/08/2018 - Cade in una vasca di liquami: morto lavoratore a Bella
20/08/2018 - Rotonda: un fulmine brucia una quercia a un passo da una abitazione
20/08/2018 - Denuncia della Cia lucana,prodotti tipici "falsi"

SPORT

20/08/2018 - Matera: al XXI Settembre il Primo "Memorial Carpentieri"
20/08/2018 - Coppa Italia Serie C: decisa data recuperi
19/08/2018 - Marathon del Vulture, disponibili le tracce GPX dei due percorsi
19/08/2018 - Futsal: il Senise a lavoro per il campionato

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/08/2018 Avigliano: arrestato docente di francese

Un uomo di 57 anni, docente di francese in un liceo linguistico, è agli arresti domiciliari ad Avigliano (Potenza) con le accuse di stalking e violenza sessuale aggravati ai danni di una sua alunna minorenne. L'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Potenza, su richiesta della Procura della Repubblica, è stata eseguita il 17 agosto scorso.

20/08/2018 ASP:per maltempo chiusi temporaneamente alcuni servizi in Via Ciccotti a Potenza

A causa del forte temporale che si è verificato su Potenza, nel pomeriggio di oggi 20 agosto, l'Azienda Sanitaria Locale di Potenza comunica che sono stati chiusi, in maniera temporanea, presso la sede ASP di Via Ciccotti, i piani del plesso in cui vengono effettuati i servizi Veterinari, di Assistenza Protesica e Ser.D., con esclusione della somministrazione farmaci agli utenti garantita in altri locali di Via Ciccotti. La chiusura si è resa necessaria per effettuare alcune verifiche ed interventi urgenti.

20/08/2018 Policoro in swing: agenda di domani 21 agosto

Il festival "Policoro in Swing", che andrà in scena fino al 27 agosto, per la giornata di domani 21 agosto prevede alle 19 l'Aperijazz at Sailor Jazz Cafe’ al Circolo Nautico Aquarius in località Torre Mozza a Policoro. In piazza Eraclea alle 22,30 si terrà “Concert Jumpin’up Djset by Dj resident team” e al Circolo Nautico alle 01,30 After Party at Sailor Jazz Café - Live jam session and Djset by resident team.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo