HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Enel in procinto di vendere la Centrale del Mercure?

13/02/2018



L’indiscrezione, se davvero si concretizzasse, sarebbe clamorosa. Abbiamo raccolto alcune informazioni secondo le quali Enel Produzione starebbe pensando di vendere la Centrale del Mercure. Ovviamente il condizionale è d’obbligo, ma i presupposti affinché questa eventualità possa effettivamente tradursi in realtà ci sono, e sono diversi.
Innanzitutto, i recenti arresti compiuti in seguito all’operazione Stige, che hanno visto finire in manette anche alcuni fornitori dell’impianto a biomassa in funzione nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, avranno generato non poco imbarazzo nei vertici aziendali del colosso dell’energia.
Inoltre, anni di battaglie legali e di costante opposizione da parte delle associazioni ambientaliste e dei Comuni di Rotonda e Viggianello, potrebbero cominciare a pesare. D’altronde, le parole pronunciate dall’ad Starace all’ultima assemblea degli azionisti, con le quali l’ingegnere ha affermato a chiare lettere che “se siamo un problema andiamo via”, sembrano andare proprio in questa direzione. Non a caso, nel Consiglio Direttivo dello scorso 18 gennaio dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Ferdinando Laghi, esterrefatto, rivolgendosi proprio a Starace ha dichiarato di non capire “cos’altro debba succedere affinché Enel vada via dalla Valle del Mercure”. A tutto questo si aggiungano gli ormai innumerevoli appelli pubblici, pronunciati anche di fronte alla medesima assemblea degli azionisti Enel, dallo stesso prossimo presidente di Isde International sulla “incompatibilità di un simile insediamento industriale con un’area protetta”. Quindi, le varie diffide (le ultime risalenti a pochi giorni fa) inoltrate dall’avvocato Enzo Bonafine per ottenere informazioni sulle emissioni e le biomasse. Senza trascurare le tante interrogazioni in Parlamento sulle conseguenze ambientali e sanitarie dell’attività della Centrale a firma dell’onorevole 5 Stelle Paolo Parentela e, nei confronti della Commissione Europea, dell’eurodeputato del Movimento Piernicola Pedicini. Insomma non sarebbe assurdo che in seguito alle proteste di questi ultimi anni, che presumibilmente non si placheranno, e a tutti questi accadimenti, la multinazionale decidesse di liberarsi di questa patata bollente. Per cui, magari, un sondaggio relativo alla presenza di acquirenti potrebbe esserci stato.

Da Enel, che abbiamo contattato, nessun riscontro: sulla possibilità di una cessione non arrivano conferme né smentite.
Comunque sembra, chiaramente anche qui il condizionale è d’obbligo, che un interesse possa essere stato manifestato da operatori nel settore delle rinnovabili attualmente attivi nel crotonese.
Ma se effettivamente l’affare andasse in porto, ci sarebbe da chiedersi se per le comunità locali, e di riflesso per il Parco del Pollino, sia un bene. In quanto, se Enel non è stata in grado di impedire che suoi fornitori potessero finire sotto la lente di ingrandimento della DDA di Catanzaro per accuse così pesanti, non si capisce, da questo punto di vista, come altri possano offrire simili o maggiori garanzie di impermeabilità. Staremo a vedere cosa accadrà.
Ricordiamo che sui disboscamenti selvaggi attualmente stanno indagando anche la Procura della Repubblica di Castrovillari e la DDA di Potenza.


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

16/10/2018 - Lagonegrese: abusava della figlia, arrestato 45enne
16/10/2018 - Metaponto: Si allacciano abusivamente alla rete Enel, in tre denunciati
16/10/2018 - 3,6 mln euro per contributi ai familiari di pazienti con disabilità gravissima
16/10/2018 - GdF Rionero: scoperto libero professionista evasore totale,ricavi per circa 250,000euro

SPORT

16/10/2018 - Prima Ctg/B: comandano in quattro
16/10/2018 - Seconda Ctg/C: la Lainese comincia con un pareggio in casa
15/10/2018 - San Gerardo C5 PZ, Goldoni segna e bacia la maglia: 'La onorerò per sempre'
15/10/2018 - Matera Calcio:Lamberti nuovo socio di maggioranza.Colucci dg

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

16/10/2018 Rapina in ristorante a Melfi, 2 arresti

Accusati di aver fatto una rapina, lo scorso 27 gennaio, nel bar-ristorante "Happy Days" della zona industriale di San Nicola di Melfi (Potenza), due uomini sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Melfi al termine delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza. Un terzo uomo fu arrestato dai militari dell'Arma in flagranza di reato al termine di un inseguimento conclusosi con un incidente che coinvolse un'auto 'Fiat Uno', risultata rubata, e usata per la rapina.Ansa

15/10/2018 16 ottobre 2018: riapertura studio medico Salam c/o Ce.St.Ri.M. Potenza

Lo studio medico Salam – Salute e Pace, attivo presso il Ce.St.Ri.M di Potenza dall’aprile 2017, grazie alla collaborazione di diverse figure professionali volontarie (medici, infermieri, ostetriche, psicologi…) ha avviato un’attività di medicina sociale, indirizzata primariamente (ma non esclusivamente) all’assistenza dei migranti irregolari. Dopo la chiusura estiva l'Ambulatorio riapre domani 16 Ottobre con nuove modalità operative. È possibile prenotare una visita specialistica gratuita chiamando il numero 324 89 69 439 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16.00 alle 20.00 e consultando il sito Internet www.cestrim.org e la pagina Facebook del Ce.St.Ri.M. sui quali saranno pubblicate le date e i nomi degli specialisti disponibili. Le visite di medicina generale, al contrario, non richiederanno alcuna prenotazione. Per il mese di ottobre il calendario degli appuntamenti è il seguente: Visite specialistiche (richiesta prenotazione) Martedì 16 Otorinolaringoiatria – dott.ssa Langone Martedì 23 Odontoiatria – dott. Di Trana Mercoledì 24 Neurologia – dott.ssa Acquistapace Visite di medicina generale (senza prenotazione) Giovedì 18 Medicina Interna – dott. Pennacchio ore 11.00-13.0 Venerdì 26 Medicina Generale – dott. Buchicchio ore 16.00-18.00

15/10/2018 Sospensione idrica a Ginestra

Ginestra: a causa di un guasto improvviso, nell'intero abitato potrebbe verificarsi cali di pressione e o mancanza di erogazione idrica dalle ore 09:30 alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo