HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Enel in procinto di vendere la Centrale del Mercure?

13/02/2018



L’indiscrezione, se davvero si concretizzasse, sarebbe clamorosa. Abbiamo raccolto alcune informazioni secondo le quali Enel Produzione starebbe pensando di vendere la Centrale del Mercure. Ovviamente il condizionale è d’obbligo, ma i presupposti affinché questa eventualità possa effettivamente tradursi in realtà ci sono, e sono diversi.
Innanzitutto, i recenti arresti compiuti in seguito all’operazione Stige, che hanno visto finire in manette anche alcuni fornitori dell’impianto a biomassa in funzione nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, avranno generato non poco imbarazzo nei vertici aziendali del colosso dell’energia.
Inoltre, anni di battaglie legali e di costante opposizione da parte delle associazioni ambientaliste e dei Comuni di Rotonda e Viggianello, potrebbero cominciare a pesare. D’altronde, le parole pronunciate dall’ad Starace all’ultima assemblea degli azionisti, con le quali l’ingegnere ha affermato a chiare lettere che “se siamo un problema andiamo via”, sembrano andare proprio in questa direzione. Non a caso, nel Consiglio Direttivo dello scorso 18 gennaio dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Ferdinando Laghi, esterrefatto, rivolgendosi proprio a Starace ha dichiarato di non capire “cos’altro debba succedere affinché Enel vada via dalla Valle del Mercure”. A tutto questo si aggiungano gli ormai innumerevoli appelli pubblici, pronunciati anche di fronte alla medesima assemblea degli azionisti Enel, dallo stesso prossimo presidente di Isde International sulla “incompatibilità di un simile insediamento industriale con un’area protetta”. Quindi, le varie diffide (le ultime risalenti a pochi giorni fa) inoltrate dall’avvocato Enzo Bonafine per ottenere informazioni sulle emissioni e le biomasse. Senza trascurare le tante interrogazioni in Parlamento sulle conseguenze ambientali e sanitarie dell’attività della Centrale a firma dell’onorevole 5 Stelle Paolo Parentela e, nei confronti della Commissione Europea, dell’eurodeputato del Movimento Piernicola Pedicini. Insomma non sarebbe assurdo che in seguito alle proteste di questi ultimi anni, che presumibilmente non si placheranno, e a tutti questi accadimenti, la multinazionale decidesse di liberarsi di questa patata bollente. Per cui, magari, un sondaggio relativo alla presenza di acquirenti potrebbe esserci stato.

Da Enel, che abbiamo contattato, nessun riscontro: sulla possibilità di una cessione non arrivano conferme né smentite.
Comunque sembra, chiaramente anche qui il condizionale è d’obbligo, che un interesse possa essere stato manifestato da operatori nel settore delle rinnovabili attualmente attivi nel crotonese.
Ma se effettivamente l’affare andasse in porto, ci sarebbe da chiedersi se per le comunità locali, e di riflesso per il Parco del Pollino, sia un bene. In quanto, se Enel non è stata in grado di impedire che suoi fornitori potessero finire sotto la lente di ingrandimento della DDA di Catanzaro per accuse così pesanti, non si capisce, da questo punto di vista, come altri possano offrire simili o maggiori garanzie di impermeabilità. Staremo a vedere cosa accadrà.
Ricordiamo che sui disboscamenti selvaggi attualmente stanno indagando anche la Procura della Repubblica di Castrovillari e la DDA di Potenza.


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

21/05/2018 - Servizi sociali, i Comuni non pagano: lettera del sindacato
21/05/2018 - Filcams Fisascat Uiltucs proclamano lo stato di agitazione al San Carlo e Crob
21/05/2018 - Prefettura Potenza.Salgono a 24 i Comuni sottoscrittori 'Mille occhi sulle città
21/05/2018 - Ha un caimano in casa a Matera, denunciato dai Carabinieri

SPORT

21/05/2018 - Serie D, poule scudetto: la Vibonese rifila un poker di reti al Potenza
21/05/2018 - MTB: un Belgiovine sale a Palazzo. Tappa e maglia per il biscegliese
21/05/2018 - Calcio: si salva la Vultur. Disfatta Soccer
21/05/2018 - Pallacanestro Senise: è serie D

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/05/2018 Sospensione idrica 21 maggio 2018

Tito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Annunziata reserà sospesa fino alle ore 16:00, salvo imprevisti.
Acerenza: a causa di un guasto l'erogazione idrica nelle contrade Santa Domenica, Pipoli, San Germano, Finocchiaro, Macchione e zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 08:00 alle ore 18:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

20/05/2018 Rubano cartelli stradali, due arresti

Scoperti a rubare alcuni cartelli stradali mobili lungo la ss "Ofantina", nei pressi di Melfi (Potenza), due uomini - uno di 58 anni e l'altro di 47, entrambi con precedenti penali - sono stati arrestati dai Carabinieri e posti ai domiciliari. Durante le successive perquisizioni nelle abitazioni dei due, gli uomini dell'Arma hanno inoltre scoperto una cartuccia per pistola illegalmente detenuta e che è stata quindi sottoposta a sequestro.Ansa

20/05/2018 Policoro: i valori dei trialometani 'tornano nella norma'

Policoro: a seguito della comunicazione dell’Azienda sanitaria locale di Matera, che hanno evidenziato il rientro dei valori di trialometani nella soglia consentita, il sindaco del Comune di Policoro ha revocato l'ordinanza di non potabilità dell’acqua.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo