HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Enel in procinto di vendere la Centrale del Mercure?

13/02/2018



L’indiscrezione, se davvero si concretizzasse, sarebbe clamorosa. Abbiamo raccolto alcune informazioni secondo le quali Enel Produzione starebbe pensando di vendere la Centrale del Mercure. Ovviamente il condizionale è d’obbligo, ma i presupposti affinché questa eventualità possa effettivamente tradursi in realtà ci sono, e sono diversi.
Innanzitutto, i recenti arresti compiuti in seguito all’operazione Stige, che hanno visto finire in manette anche alcuni fornitori dell’impianto a biomassa in funzione nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, avranno generato non poco imbarazzo nei vertici aziendali del colosso dell’energia.
Inoltre, anni di battaglie legali e di costante opposizione da parte delle associazioni ambientaliste e dei Comuni di Rotonda e Viggianello, potrebbero cominciare a pesare. D’altronde, le parole pronunciate dall’ad Starace all’ultima assemblea degli azionisti, con le quali l’ingegnere ha affermato a chiare lettere che “se siamo un problema andiamo via”, sembrano andare proprio in questa direzione. Non a caso, nel Consiglio Direttivo dello scorso 18 gennaio dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Ferdinando Laghi, esterrefatto, rivolgendosi proprio a Starace ha dichiarato di non capire “cos’altro debba succedere affinché Enel vada via dalla Valle del Mercure”. A tutto questo si aggiungano gli ormai innumerevoli appelli pubblici, pronunciati anche di fronte alla medesima assemblea degli azionisti Enel, dallo stesso prossimo presidente di Isde International sulla “incompatibilità di un simile insediamento industriale con un’area protetta”. Quindi, le varie diffide (le ultime risalenti a pochi giorni fa) inoltrate dall’avvocato Enzo Bonafine per ottenere informazioni sulle emissioni e le biomasse. Senza trascurare le tante interrogazioni in Parlamento sulle conseguenze ambientali e sanitarie dell’attività della Centrale a firma dell’onorevole 5 Stelle Paolo Parentela e, nei confronti della Commissione Europea, dell’eurodeputato del Movimento Piernicola Pedicini. Insomma non sarebbe assurdo che in seguito alle proteste di questi ultimi anni, che presumibilmente non si placheranno, e a tutti questi accadimenti, la multinazionale decidesse di liberarsi di questa patata bollente. Per cui, magari, un sondaggio relativo alla presenza di acquirenti potrebbe esserci stato.

Da Enel, che abbiamo contattato, nessun riscontro: sulla possibilità di una cessione non arrivano conferme né smentite.
Comunque sembra, chiaramente anche qui il condizionale è d’obbligo, che un interesse possa essere stato manifestato da operatori nel settore delle rinnovabili attualmente attivi nel crotonese.
Ma se effettivamente l’affare andasse in porto, ci sarebbe da chiedersi se per le comunità locali, e di riflesso per il Parco del Pollino, sia un bene. In quanto, se Enel non è stata in grado di impedire che suoi fornitori potessero finire sotto la lente di ingrandimento della DDA di Catanzaro per accuse così pesanti, non si capisce, da questo punto di vista, come altri possano offrire simili o maggiori garanzie di impermeabilità. Staremo a vedere cosa accadrà.
Ricordiamo che sui disboscamenti selvaggi attualmente stanno indagando anche la Procura della Repubblica di Castrovillari e la DDA di Potenza.


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

23/01/2019 - Castelnuovo di Porto. Migranti: una trentina trasferiti in Basilicata e Campania
22/01/2019 - Droga: un arresto a Grumento Nova
22/01/2019 - Regionali lucane: al voto il 24 marzo
22/01/2019 - Lauria, frana: nuovo rinvio dell’incontro al Comune

SPORT

22/01/2019 - Matera Calcio, si prospetta un’altra pagina nera
22/01/2019 - Eccellenza: Alberigo Volini, l’allenatore del Grumentum dei record
22/01/2019 - Stage Naz.le rappresentativa U15 di Lega Pro per il materano Vincenzo Stigliano
22/01/2019 - Campionato di C di bocce: “Gialloverde” riconquista il secondo posto

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/01/2019 COMUNICAZIONE DI SOSPENSIONE IDRICA OGGI IN Basilicata

 Grassano, Grottole, Garaguso, Calciano, Oliveto Lucano, Salandra: a causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, l'erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa fino al termine dei lavori di riparazione. 
Matera: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile nelle contrade Quartarella, Serritello la Valle, Serra Paducci, al borgo Venusio, e lungo la Statale 99 sarà sospesa dalle ore 08:00 alle ore 16:00 del giorno 24-01-2019, salvo imprevisti. 

21/01/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi in Basilicata

Ferrandina: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella zona industriale e Macchia sarà sospesa dalle ore 07:30 di domani mattina fino al termine dei lavori.
Grottole: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nella parte alta dell'abitato dalle ore 11:15 di oggi fino al termine dei lavori, salvo imprevisti.
Montemilone: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile in via Manzoni, nelle zone limitrofe e nella zona bassa dell'abitato resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

20/01/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 14^ giornata

A.Montalbano – Tursi 0-1
Castelsaraceno – Montemurro 2-2
Città Dei Sassi Matera – L.Montescaglioso 0-3
Irsina- Polis.Tramutola 1-2
Peppino Campagna – Elettra Marconia –inizio ore 18,00
Salandra – Tricarico 0-1
VR Episcopia – Viggianello 0-2

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo