HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Terreni in località Castagnareto di Lagonegro, precisazioni della Regione

13/11/2017



In merito a recenti dichiarazioni rilasciate in questi giorni alla stampa da alcuni proprietari dei terreni in località Castagnareto di Lagonegro la Regione Basilicata precisa quanto segue. La Regione (concedente) ha risolto con richiesta di risarcimento danni il contratto con la S.O.L. Spa, società concessionaria della costruzione e gestione dell’Ospedale Unico per acuti di Lagonegro, perché quest’ultima non ha rispettato le clausole contrattuali chiedendo ulteriori risorse finanziarie non riconoscibili per legge. Sulla vicenda è in atto un contenzioso tra le parti per il quale, al momento, non è stata pronunciata sentenza. Pertanto le dichiarazioni su presunti danni a carico della Regione sono false e tendenziose, oltre che chiaramente strumentali. Tra l’altro, è bene precisare che le somme anticipate dalla Regione sono ampiamente coperte da polizza fideiussoria a carico della concessionaria per un importo di oltre otto milioni di euro.
Nel pieno rispetto dei tempi fissati per legge, la Regione ha restituito, la settimana scorsa, ai legittimi proprietari i terreni espropriati, notificando agli stessi una determina dirigenziale regionale con la quale veniva comunicato l’importo dell’indennità di occupazione riconosciuta per 5 anni, a partire dal 2012 anche per le famiglie che effettivamente hanno lasciato i fabbricati solo due anni fa (27/03/2015). L’ammontare complessivo delle indennità è di 378 mila euro. Molte delle cose affermate in questi giorni dai proprietari dei suoli e dei terreni non trovano riscontri documentali e normativi. In questi anni la Regione non ha mai avuto accesso agli immobili occupati. Le chiavi infatti sono rimaste depositate presso il Comune di Lagonegro dalla data di effettiva occupazione (27/03/2015). I quattro fabbricati non hanno assolutamente subito danni strutturali, come invece dichiarato, mentre i problemi di umidità (perché di questo si tratta) rilevati nei fabbricati sono determinati dall’inutilizzo degli stessi da due anni e mezzo a questa parte. Non accettare le indennità erogate e richiedere cifre maggiori per diversa valutazione dei terreni o per presunti danni appare pertanto un tentativo di strumentalizzazione della vicenda, finalizzato ad ottenere cifre non spettanti.



ALTRE NEWS

CRONACA

9/12/2018 - Rotonda: oltre 260 mila euro per cinema e asilo nido
8/12/2018 - Lavello. Un arresto dei Carabinieri per evasione
8/12/2018 - Minacce ai giornalisti. A Potenza un incontro promosso dal Prefetto
8/12/2018 - Educazione Ambientale, pubblicato bando da 1,3 milioni di euro

SPORT

9/12/2018 - Bernalda futsal:il nuovo tecnico e' Do Amaral, ingaggiati Caetano e Muro
9/12/2018 - Cavese vs Potenza Calcio, gara spigolosa che si chiude in parità
9/12/2018 - Meritata vittoria del Matera contro il Rende
9/12/2018 - Serie D – G/H: il Francavilla vince dopo un grande secondo tempo

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

9/12/2018 Serie D-g/H: risultati 14^ giornata

Granata – Taranto 0-2 giocata ieri
Nardò – Cerignola 0-0 giocata ieri
Francavilla – Pomigliano 3-1
Gelbison – Bitonto 0-2
Altamura – Savoia 0-0
Az.Picerno – Sorrento 5-0
Fidelis Andria – Nola 0-0
Sarnese – Città di Fasano 0-1
Gravina – Città di Gragnano 0-0

9/12/2018 Eccellenza: risultati 14^ giornata

Avigliano – Pomarico 0-1
Latronico – Real Senise 1-2
Lavello – Vultur 1-1
Moliterno – Ferrandina 3-7
Montescaglioso – Melfi 0-1
Murese – Policoro 3-1
Real Metapontino – Grumentum Val D’Agri 0-1
Ripacandida – Real Tolve 2-1

9/12/2018 Promozione: risultati 13^ giornata

A.Lauria – Brienza Calcio 0-0
San Cataldo – Miglionico 5-0
Lu Tito – Virtus Bella 5-2
Oppido – Anzi 1-1
Possidente – Castelluccio 0-3
RAF Vejanum – Paternicum 0-5
Santarcangiolese – Oraziana Venosa 2-0

La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i par...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo