HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise: la vicenda dell'asilo in largo Donnaperna finisce a processo

19/10/2017



La vicenda della scuola materna gestita dall'Associazione Sacro Cuore di largo Donnaperna a Senise, finirà sotto processo. Il gup del tribunale di Lagonegro Rosamaria De Lellis ha infatti emesso provvedimento di rinvio a giudizio per due funzionari del comune di Senise, il responsabile dell'ufficio tecnico e il responsabile del settore amministrativo. I reati contestati a loro carico, come preannunciato da Pino Perciante sulla Gazzetta del Mezzogiorno, sono abuso e omissione di atti di ufficio. Secondo l'accusa tutto era calcolato in maniera intenzionale dai due imputati che con le loro condotte illecite avrebbero causato un danno ingiusto all'associazione del Sacro Cuore che ora ha chiesto un risarcimento di un milione di euro. Ricordiamo, come abbiamo più volte ricostruito, che la scuola materna in questione fondata nel 1924 era stata sempre gestita dall' Opera Nazionale per il Mezzogiorno. Nel 2009 l'associazione Sacro Cuore aveva presentato una richiesta per subentrare nella gestione ma uno dei due imputati, il responsabile del settore amministrativo, non avrebbe avviato la pratica per il subentro ma quella per nuova attività. Secondo l'accusa, come riportato dalla Gazzetta, questo atto sarebbe stato fatto di proposito per mettere in difficoltà la nuova associazione. Stessa condotta contestata al responsabile dell'ufficio tecnico che, secondo l'accusa, avviava arbitrariamente un'anomala procedura per il rilascio del certificato di agibilità, non richiesto dall'Associazione e non previsto in caso di subentro in attività già esistenti. Su richiesta dello stesso responsabile tecnico l'associazione avrebbe fatto eseguire anche dei lavori di adeguamento dell'edificio per circa 70mila euro, ma l'edificio venne chiuso su ordinanza dell'allora sindaco Giuseppe Castronuovo. Per il difensore di uno dei due imputati il processo farà emergere l'innocenza del suo assistito. “E’ impensabile- ha dichiarato alla Gazzetta l'avvocato Giovanni leonasi , difensore del responsabile del settore amministrativo- che sulla scorta di una semplice autorizzazione sanitaria del ‘93 si potesse bypassare il rigoroso meccanismo di accreditamento voluto dal regolamento comunitario nel 2004 e dalla legislazione regionale di quello stesso anno”.

lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

22/02/2018 - Energia. Federconsumatori su ipotesi di addebito in bolletta
22/02/2018 - GdF Lauria:sequestrati 5.200 prodotti irregolari
22/02/2018 - Continuità assistenziale: 'compenso forfettario non c'entra con la vertenza'
22/02/2018 - Maltempo: torna 'Buran' e si attende il gelo

SPORT

22/02/2018 - Prima Ctg/B: l’Atletico Lauria resta al comando
22/02/2018 - A San Severino lucano ritorna la coppa delle nevi
20/02/2018 - La Geosat Geovertical si prepara per la trasferta di La Spezia
20/02/2018 - Futsal B: l'Or.Sa. sconfitta a Salerno ma resta terz'ultima

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/02/2018 Sospensione idrica Basilicata 22-02-2018

Bella: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 06:00 di domani mattina salvo imprevisti.

22/02/2018 Melfi:truffa agli anziani fingendosi un funzionario dell'Inps

Un uomo ritenuto responsabile di una truffa ai danni di due anziani - ai quali si era presentato come un funzionario dell'Inps - è stato denunciato dai Carabinieri, a Melfi (Potenza). I due episodi sono avvenuti uno a Melfi, l'altro a Rionero in Vulture (Potenza).

20/02/2018 Sospensione idrica Basilicata 21-2-2018

San Fele: per l'impossibilità di effettuare il previsto intervento di riparazione a causa delle condizioni meteorologiche, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Faggella, via De Jacobis, corso Umberto I, via Nocicchio, via Canosa, strada comunale Pergola.

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo