HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Basilicata e voto di scambio: intervista a don Marcello Cozzi

18/10/2017



La corruzione ha toccato almeno otto famiglie italiane su 100. Questo dice l’Istat in un rapporto in cui emerge che in Italia il 7,9% delle famiglie italiane nel corso della vita (il 2,7% negli ultimi tre anni, l'1,2% negli ultimi 12 mesi) è stato coinvolto direttamente in eventi corruttivi quali richieste di denaro, favori, regali o altro in cambio di servizi o agevolazioni. Allarmante il dato sul voto di scambio: ad oltre 1 milione e 700 mila italiani (il 3,7% della popolazione fra i 18 e gli 80 anni) sono stati offerti denaro, favori o regali per averne il voto alle elezioni amministrative, politiche o europee. La contropartita più frequente nella dinamica corruttiva è il denaro (60,3%), seguono il commercio di favori, nomine, trattamenti privilegiati (16,1%), i regali (9,2%) e , in misura minore , altri favori (7,6%) o una prestazione sessuale (4,6%). Il 2,7% delle famiglie che hanno fatto domanda di benefici assistenziali ( contributi, sussidi, alloggi sociali o popolari, pensioni di invalidità o altri benefici ) si stima abbia ricevuto una richiesta di denaro o scambi di favori . In cima ai ‘settori’ dove emerge maggiormente questo dato c’è la sanità. In ambito sanitario episodi di corruzione hanno coinvolto il 2,4% delle famiglie necessitanti di visite mediche specialistiche o accertamenti diagnostici, ricoveri o interventi. Le famiglie che si sono rivolte agli uffici pubblici nel 2,1% dei casi hanno avuto richieste di denaro, regali o favori. E in Basilicata? La nostra regione presenta valori a dir poco preoccupanti, perché si trova in cima alla lista per quanto riguarda il voto di scambio. In pratica una persona su dieci conosce molto bene la pratica del voto chiesto in cambio di favori o posti di lavoro. Ancora: la richiesta di effettuare una visita privata prima del trattamento in una struttura pubblica è elevata in Puglia (20,7%) e proprio in Basilicata (18,5%) ; seguono Sicilia (16,1%) e Lazio (14,4%) .
Gianfranco Aurilio ne ha parlato con Don Marcello Cozzi, dell’associazione Libera.

Come commenta il dato Istat che vede la Basilicata al primo posto nella classifica del voto di scambio?
Questa notizia ci ha fatto riflettere e ci ha colpito in quanto è certamente negativa per l’immagine della Basilicata. Adesso stiamo cercando di capire in base a quali indicatori scientifici è scaturita questa considerazione. Ma è chiaro che, se accertato scientificamente, questo dato non ci dice nulla di nuovo perché il problema è di carattere culturale e non riguarda solo i politici.

Intende dire che dipende anche dai cittadini?
È un po’ la storia del cane che si morde la coda. Non potrò mai dimenticare la vicenda di una mamma che venne da me anni fa con il foglio di convocazione per il figlio per svolgere le prove di un concorso, raccontandomi che un politico appartenente a un ente lucano, di cui mi fece il nome e cognome, gli sconsigliò di far partecipare il figlio a quel concorso perché i posti erano già stati assegnati, promettendole poi di dirle a quale invece avrebbe dovuto partecipare. Allora io le consigliai di sporgere denuncia, ma lei mi rispose che non lavorava, il marito era in cassa integrazione e che il figlio aveva 32 anni ed era disoccupato. Allora il problema è quello che dice Papa Francesco nell’enciclica ‘Laudato sì’, ossia che noi abbiamo a che fare con una politica che non ha visioni e che vive del consenso immediato e la gente, per i problemi che ha, asseconda questo tipo di politica. Per cui, non è solamente una questione di politici corrotti bensì è un problema culturale ed è necessaria una vera e propria rivoluzione etica. Non me la sento di andare a denunciare questa mamma in quanto omertosa, perché parliamo di una persona costretta a vivere “attaccata alla canna del gas”.

Come si fa allora a trovare una soluzione, proprio alla luce di queste difficoltà che oggi colpiscono soprattutto i giovani?
Pretendendo coerenza e rigidità da chi occupa un ruolo di responsabilità, che ha il dovere di smetterla di giocare con i problemi e le necessità della gente. Chi ricopre incarichi istituzionali ha l’obbligo di comportarsi in modo da interrompere questo circuito così malefico.

Ma non è anche una conseguenza del decadimento dei valori?
Questa crisi, per giunta ancora nemmeno superata, non è stata solo economica perché ha determinato l’abbassamento degli anticorpi della società. Oggi pur di avere un lavoro si è disposti a tutto, a lavorare in nero e a cedere a qualunque tipo di ricatto. Quindi c’è stato un forte abbassamento dei lavori. Ecco perché parlavo di cambiamento sotto il profilo etico, affinché si provi a riconsiderare il livello di quell’asticella oltre la quale non si può più andare.


Gianfranco Aurilio
Mariapaola Vergallito
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

24/11/2017 - Laurenzana, l’Alternanza Scuola Lavoro incontra il Carcere
24/11/2017 - Edilizia scolastica, in arrivo circa 29 milioni di euro
24/11/2017 - Un uomo arrestato e due denunciati per furto e ricettazione
24/11/2017 - Macroattrattore Senise: denuncia di tentato furto e una stagione insoddisfacente

SPORT

25/11/2017 - Serie D: il Francavilla attende l'Altamura
24/11/2017 - Prima Ctg/B: a Castelluccio in arrivo il goleador Andrea Sarro
24/11/2017 - Basket Serie B, Olimpia Matera in trasferta a Giulianova
24/11/2017 - Il Rasulo Edilizia Bernalda cerca continuità con il Caserta Futsal

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/11/2017 FCI Basilicata: a Potenza il corso di aggiornamento per i tecnici FCI

Con il ciclismo su strada e la mountain bike “ferme ai box” (fatta eccezione per il ciclocross), a Potenza si è svolto presso la sede del comitato regionale FCI Basilicata il corso di aggiornamento per maestro istruttore categorie promozionali e giovanissimi (TM1), tecnico allenatore categorie agonistiche giovanili (TA2) e categorie internazionali (TA3).
Un proficuo incontro tra addetti ai lavori e direttori sportivi di Basilicata, Campania, Puglia e Calabria per un totale di 27 presenze dando vita a un momento di confronto e di miglioramento tecnico individuale seguendo le linee guida dettate dalla Federazione Ciclistica Italiana nell’ambito della formazione dei tecnici.

24/11/2017 Sospensione idrica in Basilicata comunicazione 24-11-2017

Pietragalla: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.
Maschito: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Melfi: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 13:00 di oggi fino al termine dei lavori, nella zona industriale di San Nicola di Melfi e nelle seguenti contrade: Madama Laura, Vaccareccia e Camarda. Si precisa che il guasto è sull'opera di fornitura idrica dell'Acquedotto Pugliese, pertanto l'evoluzione dei lavori per il ripristino del servizio non dipendono da Acquedotto Lucano che, non appena sarà aggiornato sull'evolversi della situazione, provvederà ad ulteriori comunicazioni.
Tito: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:00 di domani, salvo imprevisti, nelle contrade Macchia e Fontana Camillo e nella zona Commerciale lungo la S.S. 94

23/11/2017 Sospensioni idriche comunicazioni del 23 novembre 2017

Potenza, Pignola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:00 di oggi salvo imprevisti. POTENZA: C.da Faloppa, c.da Rossellino e zone limitrofe. PIGNOLA: c.da Molino di Capo, c.da Faloppa, c.da Campo di Giorgio e zone limitrofe.
Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:30 di domani salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Cavour, via San Nicola, Piazza Forlenza, via Santa Lucia, via X Maggio

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo