HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Basilicata e voto di scambio: intervista a don Marcello Cozzi

18/10/2017



La corruzione ha toccato almeno otto famiglie italiane su 100. Questo dice l’Istat in un rapporto in cui emerge che in Italia il 7,9% delle famiglie italiane nel corso della vita (il 2,7% negli ultimi tre anni, l'1,2% negli ultimi 12 mesi) è stato coinvolto direttamente in eventi corruttivi quali richieste di denaro, favori, regali o altro in cambio di servizi o agevolazioni. Allarmante il dato sul voto di scambio: ad oltre 1 milione e 700 mila italiani (il 3,7% della popolazione fra i 18 e gli 80 anni) sono stati offerti denaro, favori o regali per averne il voto alle elezioni amministrative, politiche o europee. La contropartita più frequente nella dinamica corruttiva è il denaro (60,3%), seguono il commercio di favori, nomine, trattamenti privilegiati (16,1%), i regali (9,2%) e , in misura minore , altri favori (7,6%) o una prestazione sessuale (4,6%). Il 2,7% delle famiglie che hanno fatto domanda di benefici assistenziali ( contributi, sussidi, alloggi sociali o popolari, pensioni di invalidità o altri benefici ) si stima abbia ricevuto una richiesta di denaro o scambi di favori . In cima ai ‘settori’ dove emerge maggiormente questo dato c’è la sanità. In ambito sanitario episodi di corruzione hanno coinvolto il 2,4% delle famiglie necessitanti di visite mediche specialistiche o accertamenti diagnostici, ricoveri o interventi. Le famiglie che si sono rivolte agli uffici pubblici nel 2,1% dei casi hanno avuto richieste di denaro, regali o favori. E in Basilicata? La nostra regione presenta valori a dir poco preoccupanti, perché si trova in cima alla lista per quanto riguarda il voto di scambio. In pratica una persona su dieci conosce molto bene la pratica del voto chiesto in cambio di favori o posti di lavoro. Ancora: la richiesta di effettuare una visita privata prima del trattamento in una struttura pubblica è elevata in Puglia (20,7%) e proprio in Basilicata (18,5%) ; seguono Sicilia (16,1%) e Lazio (14,4%) .
Gianfranco Aurilio ne ha parlato con Don Marcello Cozzi, dell’associazione Libera.

Come commenta il dato Istat che vede la Basilicata al primo posto nella classifica del voto di scambio?
Questa notizia ci ha fatto riflettere e ci ha colpito in quanto è certamente negativa per l’immagine della Basilicata. Adesso stiamo cercando di capire in base a quali indicatori scientifici è scaturita questa considerazione. Ma è chiaro che, se accertato scientificamente, questo dato non ci dice nulla di nuovo perché il problema è di carattere culturale e non riguarda solo i politici.

Intende dire che dipende anche dai cittadini?
È un po’ la storia del cane che si morde la coda. Non potrò mai dimenticare la vicenda di una mamma che venne da me anni fa con il foglio di convocazione per il figlio per svolgere le prove di un concorso, raccontandomi che un politico appartenente a un ente lucano, di cui mi fece il nome e cognome, gli sconsigliò di far partecipare il figlio a quel concorso perché i posti erano già stati assegnati, promettendole poi di dirle a quale invece avrebbe dovuto partecipare. Allora io le consigliai di sporgere denuncia, ma lei mi rispose che non lavorava, il marito era in cassa integrazione e che il figlio aveva 32 anni ed era disoccupato. Allora il problema è quello che dice Papa Francesco nell’enciclica ‘Laudato sì’, ossia che noi abbiamo a che fare con una politica che non ha visioni e che vive del consenso immediato e la gente, per i problemi che ha, asseconda questo tipo di politica. Per cui, non è solamente una questione di politici corrotti bensì è un problema culturale ed è necessaria una vera e propria rivoluzione etica. Non me la sento di andare a denunciare questa mamma in quanto omertosa, perché parliamo di una persona costretta a vivere “attaccata alla canna del gas”.

Come si fa allora a trovare una soluzione, proprio alla luce di queste difficoltà che oggi colpiscono soprattutto i giovani?
Pretendendo coerenza e rigidità da chi occupa un ruolo di responsabilità, che ha il dovere di smetterla di giocare con i problemi e le necessità della gente. Chi ricopre incarichi istituzionali ha l’obbligo di comportarsi in modo da interrompere questo circuito così malefico.

Ma non è anche una conseguenza del decadimento dei valori?
Questa crisi, per giunta ancora nemmeno superata, non è stata solo economica perché ha determinato l’abbassamento degli anticorpi della società. Oggi pur di avere un lavoro si è disposti a tutto, a lavorare in nero e a cedere a qualunque tipo di ricatto. Quindi c’è stato un forte abbassamento dei lavori. Ecco perché parlavo di cambiamento sotto il profilo etico, affinché si provi a riconsiderare il livello di quell’asticella oltre la quale non si può più andare.


Gianfranco Aurilio
Mariapaola Vergallito
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

24/06/2018 - Billie Joe Armstrong ai viggianesi: ''vi prometto che tornerò''
24/06/2018 - Rotonda, caso maltrattamenti: disposta collocazione in struttura
23/06/2018 - Gorgoglione: a una donna anziana rubati bancoposta e oltre 5 mila euro
23/06/2018 - Rotonda: il Comune non restituirà 92mila € e ne incasserà 654 mila per lo stadio

SPORT

24/06/2018 -  La Rinascita Lagonegro conferma per il secondo anno il libero Simone Sardanelli
24/06/2018 - Anche l'ASD Albatros a 'Un Assist per il Powerchair football'
24/06/2018 - Eccellenza, Mario Grande ce l’ha fatta: fumata bianca per la nuova Vultur
23/06/2018 - FCI Basilicata. Su il sipario all’edizione numero 18 della Pollino Bike Marathon

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/06/2018 Sospensioni idriche 22 giugno 2018

Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 13:00 di oggi salvo imprevisti in Via Rocco Scotellaro dal civico n.143 al civico n.155 e dal civico n.116 al civico n.140 - Via Carlo Alberto dal civico n.1 al civico n.26 - Via Nazionale - C/da Cona (altezza palazzo Forastieri 3F)

21/06/2018 Sospensione idrica oggi 21 giugno 2018

Maschito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa, nell'intero abitato, dalle ore 10:45 di oggi fino al termine dei lavori.

21/06/2018 Matera, domani al via XV edizione "500 km della Basilicata"

Domani, venerdì 22 giugno, con partenza da Matera (via XX Settembre) alle ore 18.30, avrà inizio la XV edizione della "500 km della Basilicata", raduno di precisione dedicato ad auto storiche, che durerà l'intero fine settimana. La partenza della seconda tappa, da Potenza (piazza Del Sedile), è prevista sabato 23 giugno alle ore 10.30. La premiazione si terrà domenica 24 giugno, alle ore 11.30, presso Villa Nitti in località Acquafredda di Maratea. La manifestazione è organizzata dall’associazione Historical Motoring Organization 678 Scuderia di Potenza con Automobile Club Potenza e Aci Storico, e con il patrocinio morale di Regione Basilicata, APT Basilicata, UNPLI Basilicata, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e di tutti i Comuni interessati dall’evento.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo