HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Vis, auditi in III CCP i sindaci di Viggiano e Grumento

13/09/2017



Basilicata. Lo studio di valutazione di impatto sanitario delle aree attigue al Cova di Viggiano, al centro dei lavori della terza Commissione di oggi. Auditi, così come richiesto dai consiglieri regionali del M5s, Gianni Perrino e Gianni Leggieri i sindaci dei Comuni di Viggiano e Grumento Nova e Fabrizio Bianchi, dirigente di ricerca del Cnr, Coordinatore scientifico del progetto di valutazione di impatto sulla salute. Avrebbe dovuto partecipare anche l’assessore all’Ambiente ed Energia, Francesco Pietrantuono, non presente ai lavori per motivi di salute.

La richiesta di audizione, ha precisato il presidente dell’organismo consiliare Vincenzo Robortella (Pd) era stata avanzata dai pentastellati in seguito alla pubblicazione su “Il Quotidiano del Sud” di alcune indiscrezioni sugli esiti della valutazione di impatto sanitario (Vis) relativa alle attività del Centro oli di Viggiano (Cova) nelle aree attigue al centro, commissionata nel 2014 dai Comuni di Viggiano e Grumento Nova.
I lavori sono stati introdotti da una comunicazione in video conferenza del Coordinatore scientifico del Progetto di valutazione di impatto sulla salute, Fabrizio Bianchi, il quale, dopo aver ribadito quanto già detto nella giornata di ieri in una nota stampa, insieme al Presidente della Commissione Vis, Michele Montone, rispetto alla tempistica dei documenti prodotti, ha precisato che il 22 settembre prossimo, durante un’assemblea pubblica, verrà distribuita la relazione tecnica estesa con gli allegati (circa 200 pagine) e il fascicolo di sintesi e che tutti i materiali saranno resi accessibili via internet.

Successivamente alla comunicazione di Bianchi si è sviluppato un dibattito che ha visto gli interventi dei consiglieri Perrino (M5s), Lacorazza e Santarsiero (Pd) e Romaniello (Gm), dei sindaci dei comuni di Viggiano, Amedeo Cicala, e di Grumento Nova, Antonio Imperatrice e della dirigente generale del dipartimento Ambiente della Regione Basilicata, Carmen Santoro.

Il consigliere Perrino ha posto l’accento sugli incontri che si sono tenuti dalla Commissione Vis e, in particolare, su quello del 27 giugno scorso, chiedendo informazioni sui partecipanti e sull’oggetto di discussione e lanciando dubbi sulla mancata diffusione dei risultati preliminari dell’indagine, in un momento delicato quale quello della riapertura del Cova. “In questi ultimi giorni vi sono state polemiche sulla pubblicazione di stralci del rapporto da parte di alcuni organi di stampa. Ma io dico – ha sottolineato Perrino - meno male che ciò sia accaduto. Essere informati è un sacrosanto diritto, e i giornalisti fanno solo il loro dovere. E’ necessario che su questioni così delicate e di grande interesse pubblico vi sia estrema chiarezza e informazione. La gente è comprensibilmente preoccupata, ed è stanca di essere presa in giro. Secondo noi è stato azzardato riaprire il Centro oli”. Entrando poi nel merito dello studio, Perrino ha commentato alcuni punti e, in particolare, quello rispetto alla connessione inquinamento insorgenza di patologie tumorali. “Chi ha lavorato al Vis – ha affermato Perrino - non utilizza il termine allarme ma vi, è in alcuni casi, una connessione tra inquinamento ambientale e diffusione delle patologie”.

“Per evitare strumentalizzazioni rispetto alla diffusione dei primi dati e il mancato riconoscimento a chi, i due Sindaci, ha investito risorse e lavoro, è necessario stare sul cuore della questione”. Così il consigliere Lacorazza che ha ribadito la necessità di dare seguito a quanto avviato con la valutazione di impatto sanitario, riconoscendo il delicato lavoro svolto da Bianchi. Per dare un segnale di attenzione alla popolazione e di vicinanza ai sindaci che, in alcuni momenti, si sono sentiti gravati da tante responsabilità, Lacorazza ha proposto di convocare in via straordinaria, per il 22 settembre prossimo, una riunione della terza Commissione nel comune di Viggiano, chiedendo la presenza dell’assessore alla Sanità e del presidente della Fondazione Basilicata Ricerca Biomedica. “Ciò che è sicuramente necessario – ha sottolineato Lacorazza – è evitare di procedere a spezzoni, ma costruire un sistema e, ciascuno per la propria parte, assumere le decisioni più giuste”.

Anche il consigliere Romaniello si è soffermato sulla riunione che si è tenuta il 27 giugno, sollecitando la trasmissione di un eventuale verbale per poter capire chiaramente chi ha partecipato e di cosa si è discusso. “Sappiamo bene tutti che non ci troviamo in un’aula di tribunale, nessuno usa un tono inquisitorio, stiamo solo cercando di fare chiarezza rispetto alle polemiche di questi giorni . L’interrogativo che pongo è perché il presidente della Regione ha detto di non sapere nulla? Perché l’istituto superiore della Sanità avendo ricevuto i primi risultati dell’indagine non ha sentito il dovere di trasferirli alla Regione prima della decisione di riapertura del Cova?”

Il consigliere Santarsiero, nell’esprimere apprezzamento ai sindaci di Viggiano e Grumento Nova per l’iniziativa assunta, commentando alcuni dati esposti dal professor Bianchi ha posto l’attenzione sull’elevata percezione del rischio da parte della popolazione. “Dati che, però, non consentono di parlare di allarme né del nesso causa effetto ma di una possibile connessione tra inquinamento ambientale e rischio sanitario”. “La situazione che emerge dallo studio – ha concluso Santarsiero ponendo un quesito a Bianchi - è tale da poterci indirizzare verso norme più restrittive rispetto alle emissioni?”

I sindaci Cicala e Imperatrice hanno respinto le accuse di secretazione dei dati e hanno invitato a tenere la giusta attenzione su quelli che saranno i risultati definitivi e che saranno presentati il prossimo 22 settembre. “Si tratta di uno studio complesso che va letto, compreso e interpretato con il valido supporto di chi lo ha redatto, per dare le giuste informazioni, evitando facili e ingiuste strumentalizzazioni e, soprattutto, allarmismi”. “Abbiamo lavorato nell’interesse della popolazione con l’ausilio di professionisti altamente qualificati, e la presenza di forze dell’ordine nell’obiettivo di garantire sempre la giusta trasparenza e il rispetto dei diritti della gente che in Val d’Agri vive e lavora e che sta manifestando paura e sbandamento. Adesso percepire un alone di dubbio sul nostro operato è davvero triste. L’augurio che ci facciamo è che il Consiglio regionale si metta a lavoro per legiferare e adottare i necessari provvedimenti e che stia vicino alla nostra area e, che se necessario, si proceda a studi e indagini ancora più approfonditi”.

Il direttore generale del dipartimento Ambiente, Carmen Santoro, è intervenuta per rappresentare le procedure seguite in occasione della chiusura del centro Oli Cova a seguito dello sversamento di greggio avvenuto durante i primi mesi dell’anno e riscontrato nei pozzetti del Consorzio industriale esterni all’impianto e della successiva riapertura avvenuta con provvedimento di Giunta regionale. A riguardo ha sottolineato che “il provvedimento di riapertura del Centro Oli è stato adottato dopo aver acquisito tutti i pareri favorevoli degli enti competenti in materia (Arpab, Ispra, Cnr, ministero Ambiente e delle risultanze del tavolo tecnico istituito presso il ministero dell’Ambiente) che attestavano il superamento delle cause che avevano determinato la sospensione”. “Il dipartimento Ambiente – ha precisato Santoro - non è in possesso del rapporto finale predisposto dalla commissione Vis né lo era al momento della sospensione del centro Oli. Il report che sarà reso pubblico il 22 settembre potrà essere utile per l’acquisizione di dati ulteriori rispetto a quelli in possesso del dipartimento Ambiente, provenienti dagli enti deputati al controllo e al monitoraggio”. A riguardo, ha ancora detto Santoro, che i controlli da parte di Arpab non si sono interrotte né durante la fermata del Cova né dopo .

Ai lavori erano presenti, oltre, al presidente della Commissione Robortella, i consiglieri Lacorazza, Miranda Castelgrande, Giuzio e Santarsiero (Pd), Bradascio (Pp), Romaniello e Pace (Gm), Perrino (M5s), Castelluccio (Pdl-Fi).







ALTRE NEWS

CRONACA

24/11/2017 - Laurenzana, l’Alternanza Scuola Lavoro incontra il Carcere
24/11/2017 - Edilizia scolastica, in arrivo circa 29 milioni di euro
24/11/2017 - Un uomo arrestato e due denunciati per furto e ricettazione
24/11/2017 - Macroattrattore Senise: denuncia di tentato furto e una stagione insoddisfacente

SPORT

24/11/2017 - Prima Ctg/B: a Castelluccio in arrivo il goleador Andrea Sarro
24/11/2017 - Basket Serie B, Olimpia Matera in trasferta a Giulianova
24/11/2017 - Il Rasulo Edilizia Bernalda cerca continuità con il Caserta Futsal
24/11/2017 - Conferma di Cupparo in LND: le parole del presidente Sibilia

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/11/2017 FCI Basilicata: a Potenza il corso di aggiornamento per i tecnici FCI

Con il ciclismo su strada e la mountain bike “ferme ai box” (fatta eccezione per il ciclocross), a Potenza si è svolto presso la sede del comitato regionale FCI Basilicata il corso di aggiornamento per maestro istruttore categorie promozionali e giovanissimi (TM1), tecnico allenatore categorie agonistiche giovanili (TA2) e categorie internazionali (TA3).
Un proficuo incontro tra addetti ai lavori e direttori sportivi di Basilicata, Campania, Puglia e Calabria per un totale di 27 presenze dando vita a un momento di confronto e di miglioramento tecnico individuale seguendo le linee guida dettate dalla Federazione Ciclistica Italiana nell’ambito della formazione dei tecnici.

24/11/2017 Sospensione idrica in Basilicata comunicazione 24-11-2017

Pietragalla: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.
Maschito: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Melfi: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 13:00 di oggi fino al termine dei lavori, nella zona industriale di San Nicola di Melfi e nelle seguenti contrade: Madama Laura, Vaccareccia e Camarda. Si precisa che il guasto è sull'opera di fornitura idrica dell'Acquedotto Pugliese, pertanto l'evoluzione dei lavori per il ripristino del servizio non dipendono da Acquedotto Lucano che, non appena sarà aggiornato sull'evolversi della situazione, provvederà ad ulteriori comunicazioni.
Tito: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:00 di domani, salvo imprevisti, nelle contrade Macchia e Fontana Camillo e nella zona Commerciale lungo la S.S. 94

23/11/2017 Sospensioni idriche comunicazioni del 23 novembre 2017

Potenza, Pignola: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:00 di oggi salvo imprevisti. POTENZA: C.da Faloppa, c.da Rossellino e zone limitrofe. PIGNOLA: c.da Molino di Capo, c.da Faloppa, c.da Campo di Giorgio e zone limitrofe.
Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:30 di domani salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Cavour, via San Nicola, Piazza Forlenza, via Santa Lucia, via X Maggio

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo